Canova
Canova

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Magazine

Una via di fuga dai luoghi comuni

Vitaliano Trevisan e Luigi Romolo Carrino inaugurano gli incontri al Piccolo Festival

Pubblicato il 19-06-2010
Visto 2.748 volte

Canova

Il luogo comune parla della realtà, ma non è la realtà. Uno spiraglio di speranza in una frase sola. Forse è qui il cancello aperto, l’uscita dal labirinto dei “Tristissimi giardini” perlustrati da Vitaliano Trevisan. La sua lettura tratta dall’ultimo libro appena uscito per Laterza ha inaugurato l’intensa parentesi dedicata alla letteratura del Piccolo Festival. In sottofondo il bel canto dei Tenori che proveniva dalla piazza accanto, il chiostro del Museo Civico un piccolo scrigno di pensieri e di parole, anch’esse lapidarie a volte, la serata ha avuto inizio con un aperitivo letterario al gusto di nuovo di non ancora detto e sentito, uno di quelli senza olivette e patatine. L’artista vicentino ha ipnotizzato tutti con una narrazione dettata da una perlustrazione della realtà che ci sta accanto/vicino/dentro a volte crudele, certamente e volutamente priva di “gentil sguardo”, ma probabilmente sempre più urgente e necessaria. La provincia di Treviso “se la vedi ti innamori” indagata nel guasto dallo sguardo acuto di Trevisan, stranamente è sembrata a tutti familiare, riconoscibile; curioso anche come ci si sia orientati facilmente nei discorsi in viaggio nel Bel Paese, su rotte che tirano dritto all’incrocio tra “l’arroganza della destra e l’ipocrisia di sinistra” e seguendo gli spostamenti di baricentri sociali, economici ed etici causati dalle migrazioni di denaro tra nord e sud, da sud a nord. Luigi Romolo Carrino cui Trevisan ha passato il testimone, ha poi proposto ai lettori un giro nei labirinti noir, non noir, sicuramente oscuri perché profondi, dei suoi racconti seguendo una sorta di filo rosso che lega le sue tre pubblicazioni, “Acqua storta”, “Pozzoromolo” e “Istruzioni per un addio” l’ultima raccolta: ha parlato di omertà, di un non voler vedere che partendo dai sentimenti si riflette e amplifica nel sociale e nel civile. Bellissime le immagini proposte da AsoloArtFilmFestival e proiettate sullo sfondo del palco, una personificazione dell’irrequietezza dedicata a Gioia, la protagonista di Pozzoromolo. Anche Carrino crede nel ruolo attivo e modificante delle parole, e della letteratura “a Napoli (Napoli, Campania, Italia) la gran parte dell’opinione pubblica comune si sta rassegnando, gli scrittori no”.

a sinistra Luigi Romolo Carrino sul palco di Palomar

Più visti

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.121 volte

2

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.073 volte

3

Attualità

24-11-2022

Born To Be Wild

Visto 6.381 volte

4

Attualità

23-11-2022

Pantani in pista

Visto 6.377 volte

5

Musica

24-11-2022

Flaviada con Paolo Conte

Visto 3.360 volte

6

Lavoro

26-11-2022

È sparito il potere d’acquisto

Visto 2.188 volte

7

Lavoro

21-11-2022

E i salari?

Visto 203 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.121 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.389 volte

3

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.125 volte

4

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.564 volte

5

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.533 volte

6

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.425 volte

7

Attualità

29-10-2022

O mia cara finestra

Visto 7.393 volte

8

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.354 volte

9

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.279 volte

10

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.073 volte