Alessandro Tich
Direttore responsabile
bassanonet.it
Pubblicato il 22-03-2017 18:36
in Incontri | Visto 1.577 volte
 

Tanto, anzi, quasi niente

La cultura montanara, i valori primordiali, la ricchezza di possedere poco. Giovedì 23 marzo, agli “Incontri senza censura” alla libreria La Bassanese, serata speciale con un inedito Mauro Corona

Tanto, anzi, quasi niente
Mauro Corona ritorna in Galleria Corona d'Italia.
Giovedì 23 marzo è la data del terzo appuntamento primaverile della stagione culturale “Incontri senza censura”, la manifestazione giunta alla 22sima edizione, organizzata a Bassano dalla libreria La Bassanese, in collaborazione con l’omonima associazione culturale e con il patrocinio dell’ordine dei Giornalisti del Veneto.
Un inedito Mauro Corona si racconterà intimamente sul palco della rassegna.
“Quasi niente”, titolo del suo ultimo lavoro editoriale scritto a quattro mani con il musicista carnico Luigi Maieron e pubblicato da ChiareLettere, sarà la riflessione della serata nel parterre bassanese. Un ritorno ai valori primordiali, un'immersione totale nella cultura montanara, tra ricordi, riflessioni, aneddoti, storie di un antico mondo quasi scomparso.
Con l'autore sarà ripercorsa una lunga chiacchierata sul mondo montanaro, il rapporto con le donne delle “terre alte”, la mancanza d’affetto di una volta che stride con la troppa gratificazione ai ragazzi di oggi.
Il confronto con lo scrittore aiuterà i presenti a entrare nella cultura montanara, nella musica montanara, nel senso di comunità, nell’importanza del dialetto che “esprime pensieri legati al reale”. La presentazione durante la serata del libro “Quasi niente” porterà inevitabilmente a parlare di tempi lontani, quando si doveva vivere con poco.
Le riflessioni continueranno anche su come stanno cambiando le abitudini sociali e politiche. “Una società con troppa estetica e poca etica - sottolinea Corona - ci deve mettere in guardia dalla trappola dell'apparire e dalle insidie insite nella vita, dalla sua provvisorietà che va abbracciata e non combattuta tenacemente.” Ribadendo che “non abbiamo messo in conto la sconfitta e il fallimento”.
Nel libro l'autore si confida intimamente con i lettori, spesso cogliendo degli aspetti della sua vita personale come quella del rapporto duro con il padre (“mio padre mi ha massacrato di botte, non ebbe in dono l’intelligenza”), con le lezioni di vita apprese dai figli solo in tarda età e dei fallimenti personali sfociati nell’alcol.
“Le mie sconfitte le ho risolte con l’alcol - scrive -, ho attraversato l’inferno della bottiglia. Dopo cinque anni e due mesi di astinenza ho ripreso a bere qualche bicchiere e questa è una ricaduta che temo, perché se ricomincio un’altra volta sarà veramente finita.”
Perdono, misericordia, dolore e vecchiaia, lealtà e fallimento: tanti i temi che saranno toccati con Mauro Corona, stimolato da Marco Bernardi ideatore della rassegna. Una serata che vuol essere “un gesto d¹affetto e di rispetto verso la Montagna e la cultura dei suoi popoli”, un incontro di riflessioni e pensieri giocato sul filo dei ricordi.
Nell'occasione è previsto un doppio appuntamento.
Alle ore 18 in libreria La Bassanese è previsto un firma-copie e chiacchiere in libertà con gli autori. Alle 20.45 riflettori accesi invece su “Lo spettacolo della montagna” con Mauro Corona, l’incontro sul palco di “Incontri senza censura” nella consueta galleria incontri della libreria.
L'ingresso è libero e gratuito, con precedenza di entrata ai possessori della tessera.
Informazioni e prenotazione posti allo 0424-521230 o nel sito della libreria.