Pubblicità

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 09-05-2016 16:38
in Cronaca | Visto 3.814 volte

Sanguinosa rissa davanti al Liv a San Michele, 12 arresti e 4 denunce

8 feriti, 12 arresti e 4 denunce. E’ il bilancio della furibonda rissa scoppiata alle 3.30 circa di ieri all’esterno della discoteca Liv (ex Decò) in contrà Gaggion Basso a San Michele, frazione di Bassano del Grappa.
Tutto è iniziato con un parapiglia all’interno del locale tra alcuni militari americani della caserma Ederle di Vicenza, clienti abituali della discoteca, e un gruppo di africani. Nella zuffa un militare Usa è rimasto ferito.
Per evitare il peggio, i gestori e la sicurezza del locale hanno fatto uscire gli americani, una quindicina in tutto. Questi però hanno atteso fuori dal locale il feritore e i suoi connazionali per fargliela pagare.
Ne è conseguita una maxi rissa tra i due gruppi che oltre a calci e pugni ha fatto anche spuntare coltelli e bottiglie.
Il violento e sanguinoso scontro in atto ha fatto accorrere a San Michele diverse pattuglie dei Carabinieri di Bassano del Grappa e delle compagnie di Thiene, Schio e Vicenza. Sul posto anche la polizia del Commissariato di Bassano e gli agenti della “military police” della Ederle.
8 persone in tutto sono dovute ricorrere alle cure dell’Ospedale San Bassiano per ferite da arma da taglio o contusioni varie. Uno degli americani ha riportato ferite da coltello alla regione scapolare destra e all’avambraccio: ricoverato all’Ospedale, ne avrà per 30 giorni.
Una volta calmati gli animi con non poca difficoltà, i Carabinieri hanno arrestato per rissa aggravata 12 militari statunitensi, di età compresa tra i 20 e i 27 anni. Nei loro confronti il pm di turno ha disposto gli arresti domiciliari alla Ederle. Questo pomeriggio sono stati processati per direttissima in tribunale a Vicenza e rimessi in libertà.
Altre tre denunce per lo stesso reato sono state emesse nei confronti di tre cittadini senegalesi, di età compresa tra i 22 e i 40 anni, e dello stesso americano ricoverato al San Bassiano.

Pubblicità

Mostra

Più visti