Canova
Canova

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it

Cronaca

Partita fiscale

Concluse le indagini della Guardia di Finanza di Bassano sulle false sponsorizzazioni nell'hockey pista e nel volley. Coinvolti 174 sponsor e società sportive in 4 regioni. 50 milioni sottratti al fisco e 12 milioni di Iva evasa. 45 denunce

Pubblicato il 21-07-2015
Visto 3.287 volte

Canova

Come ti trovo gli sponsor e ti gonfio i conti. Nei giorni scorsi la Guardia di Finanza di Bassano del Grappa ha concluso le verifiche fiscali - scattate ancora nel 2012, col coinvolgimento anche di alcune società bassanesi (notizie.bassanonet.it/cronaca/11995.html) - nei confronti delle aziende coinvolte in un vorticoso giro di circa 86 milioni di fatture, emesse o utilizzate, relative ad operazioni in tutto o in parte inesistenti nel settore delle sponsorizzazioni sportive.
Una lunga e articolata indagine nel corso della quale le Fiamme Gialle del Comando di via Maello hanno individuato, complessivamente, una base imponibile sottratta a tassazione per circa 50 milioni di euro ed un'Iva evasa per oltre 12 milioni di euro.
Sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria per diversi reati tributari 45 persone ed è stata avviata la procedura di sequestro di beni nella disponibilità dei responsabili, in funzione della confisca in misura equivalente ai tributi evasi, per quasi 7 milioni di euro. I sequestri di beni già eseguiti sono stati pari ad un valore di circa 700 mila euro.

Foto Roberto Bosca (archivio Bassanonet, dettaglio)

I predetti risultati di natura tributaria sono il frutto delle complesse indagini di polizia giudiziaria condotte dalla Guardia di Finanza di Bassano del Grappa nell’ambito della vasta frode fiscale scoperta nel settore delle “sponsorizzazioni” dell’hockey su pista e della pallavolo, che ha coinvolto 174 tra associazioni/societa’ sportive e aziende sponsor, localizzate per la maggior parte nel Veneto e nell’Emilia Romagna, ma anche in Lombardia e Trentino.
Le indagini, condotte sotto la direzione della Procura della Repubblica di Vicenza, sono state avviate dalla Guardia di Finanza di Bassano attraverso una attività di verifica fiscale ad una delle aziende sponsor coinvolte, che ha consentito di individuare alcune società/associazioni sportive - operanti, come detto, nel settore sia del volley che dell’hockey, con sede nelle province di Vicenza, Venezia e Reggio Emilia - responsabili, unitamente alle aziende sponsorizzatrici, dell’attività fraudolenta, resa possibile anche attraverso l’interposizione fittizia di alcune società “cartiere” ovvero società di comodo, intestate a prestanome e prive di strutture operative.
Tra le persone indagate è emersa la figura di un vicentino (Mauro “Gianni” Borriero, 53 anni) il quale - avvalendosi di diverse società “cartiere” (le due più rilevanti localizzate a Verona e Reggio Emilia), che si interponevano tra le associazioni sportive e le imprese clienti - si era dedicato in modo professionale all’attività di procacciamento di “sponsor”, emettendo a loro favore fatture “gonfiate”.
Tale meccanismo fraudolento - nel consentire il naturale finanziamento dell’associazione sportiva (che tratteneva, però, una minima parte della somma ricevuta per la sponsorizzazione) - veniva posto in essere con lo scopo di permettere all’utilizzatore delle fatture false l’indebita deduzione di costi fittizi, l’indebita detrazione dell’Iva e, soprattutto, di crearsi ingenti “fondi neri” extracontabili, generando così una concorrenza sleale nei confronti degli imprenditori onesti.
Fondamentale per la ricostruzione dei ruoli e delle responsabilità delle persone sottoposte alle indagini - oltre agli interrogatori e l’escussione di molteplici soggetti informati sui fatti - il lavoro di ricostruzione dei flussi finanziari movimentati dagli indagati sui conti correnti intestati alle società cartiere, i cui amministratori/prestanome provvedevano a monetizzare i bonifici formalmente accreditati sui conti in questione, trattenendo una percentuale variabile e restituendo la gran parte dell’ammontare in contanti ai titolari delle aziende clienti.
In tale contesto, determinante è risultata la ricostruzione dei costi realmente sostenuti dalle associazioni sportive, le quali, per bilanciare le sovrafatturazioni praticate, hanno contabilizzato costi di gran lunga superiori rispetto a quanto effettivamente sostenuto per il perseguimento delle proprie finalità sportive.

Più visti

1

Politica

28-11-2022

Grande Fratello Vip

Visto 6.916 volte

2

Cronaca

29-11-2022

Coming Home

Visto 6.655 volte

3

Politica

29-11-2022

Pietrosante non è un’opinione

Visto 6.645 volte

4

Attualità

29-11-2022

L’industriale e il contadino

Visto 5.260 volte

5

Attualità

29-11-2022

L’erba del vicino

Visto 4.883 volte

6

Lavoro

26-11-2022

È sparito il potere d’acquisto

Visto 4.119 volte

7

Teatro

29-11-2022

LA stagione teatrale bassanese apre con Servo di scena

Visto 2.607 volte

8

Attualità

01-12-2022

L’Isola dei Dubbiosi

Visto 1.329 volte

9

Attualità

01-12-2022

Le due verità

Visto 1.323 volte

10

Magazine

01-12-2022

Una Madonna, un artista e Tre Briganti

Visto 1.062 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.276 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.415 volte

3

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.147 volte

4

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.585 volte

5

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.551 volte

6

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.452 volte

7

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.388 volte

8

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.329 volte

9

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.284 volte

10

Attualità

10-11-2022

Sei personaggi in cerca di attori

Visto 6.922 volte