Pubblicità

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 07-05-2013 19:15
in Attualità | Visto 3.403 volte

I misteri di via Roma

Ma via Roma a Bassano è una strada pedonalizzata oppure no? A giudicare dalla nuova segnaletica stradale, non lo è più. Ma c'è il colpo di scena finale...

I misteri di via Roma

Il cartello della Ztl all'ingresso di via Roma a Bassano (foto Alessandro Tich)

Mi sa che mi conviene piantare una tenda all'inizio di via Roma, lato piazza dell'Angelo, in pieno centro storico a Bassano. Perché in questo punto della città le notizie arrivano da sole, una dietro l'altra: basta aspettare sul lato della strada come il famoso proverbio cinese (quello della “riva del fiume...”) ed ecco che prima o poi le novità spuntano davanti agli occhi. Salvo - come vedremo in seguito - colpi di scena dell'ultimo minuto.
Ma andiamo per ordine. E' di ieri la “scoperta” dei due paletti color giallo fastidio che delimitano la corsia d'ingresso nella via, per permettere alla telecamera della Ztl di catturare la targa del veicolo, che tante discussioni hanno già sollevato anche tra gli utenti del nostro portale. Va detto che non si tratta degli unici canalizzatori di traffico a servizio dei varchi elettronici in centro storico: altri analoghi “bussolotti”, color giallo evidenziatore, sono stati infatti installati anche in altri punti di accesso al perimetro della Zona a Traffico Limitato.
Devo però dirvi che ieri, mentre scrivevo l'articolo sul “Checkpoint Roma”, mi sono fatto - senza darmi risposta - una domanda: come mai tanto spiegamento di forze (una telecamera, una corsia di ingresso obbligatoria, due spartitraffico con segnale stradale ecc.) all'ingresso di una via, come via Roma, che da anni è comunque pedonalizzata e quindi esclusa - salvo precisi orari - ai mezzi motorizzati?
La risposta, quasi per caso e su segnalazione di un amico commerciante, l'ho trovata oggi: via Roma - una delle poche oasi escluse alle macchine del centro storico di Bassano - non è più una strada pedonale.
Non pensiate che soffra di allucinazioni: basta guardare il cartello che è stato affisso all'inizio della via, sempre lato piazza dell'Angelo, e che vi mostriamo nella foto a corredo di questo articolo.
Queste le indicazioni della nuova segnaletica: “Zona a Traffico Limitato, sabato 14.00 - 00.00, festivi 00.00 - 24.00, eccetto autorizzati e escluso velocipedi”.
Ciò significa - trattandosi dell'unico segnale collocato in questo punto - che tutti i veicoli, nei giorni e negli orari in cui non vige la Ztl, possono transitare nella via.
E' stato infatti contemporaneamente rimosso il precedente cartello, che vi mostriamo nella foto pubblicata nello spazio photogallery, che indicava le vecchie regole per l'accesso motorizzato in via Roma:
“Divieto di transito a autoveicoli e motoveicoli non autorizzati, eccetto veicoli autorizzati a servizio di persone invalide e polizia, ambulanze, vigili del fuoco (solo in servizio urgente di emergenza). Veicoli merci e frontisti dalle 7.30 alle 9.30 e dalle 14 alle 15.30”. Cioè a dire: fatte salve le poche eccezioni e le due fasce orarie per il carico e lo scarico delle merci nei negozi, tutti fuori.
Ora invece, a norma di segnaletica stradale, siamo passati al tutti dentro: e alle 13 di oggi - come ci riferiscono i diretti interessati - il conducente di un furgone, dopo aver visto il nuovo cartello, è entrato in via Roma per consegnare della merce in un negozio senza che la vigilessa, di servizio di lì a pochi passi, battesse ciglio.
La novità, manco a dirlo, ha colto tutti di sorpresa: per primi i commercianti della via, che tutti i giorni organizzano il proprio lavoro in funzione degli orari, probabilmente (mettiamo ancora la formula dubitativa) ormai vecchi e superati, della consegna delle merci.
Per saperne di più chiamiamo quindi l'assessore Zonta, delegato alla viabilità cittadina. “Via Roma non è una via pedonale, non lo è mai stata - è la sua risposta -. Non è, tanto per capirci, come via Jacopo da Ponte o piazzotto Montevecchio. L'accesso dei veicoli è stato sempre differenziato tra i fine settimana e i giorni feriali, con orari precisi consentiti per lo scarico e carico. Dal punto di vista degli ingressi nella via, non cambia nulla.”
Facciamo presente all'assessore che il cartello che indicava gli orari di accesso consentito non c'è più e l'assessore, onestamente e candidamente, ci dice di non essere a conoscenza della cosa.
Colpo di scena finale: dopo due minuti l'assessore ci richiama. “Sono all'inizio di via Roma, avete ragione voi - dichiara testualmente Zonta -. Qualcuno inavvertitamente ha rimosso il cartello. Domani mattina vado all'Ufficio Tecnico, bisogna che lo rimettano.”
Dopo tutto questo bailamme, tutto tornerà come prima? A quanto pare, sembra proprio di sì.

Pubblicità

Mostra

Più visti