Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 27-04-2011 17:20
in Incontri | Visto 2.039 volte

L'osservatore romeno

Sembra un milanese, ma è un romeno di Oradea. Mihai Butcovan, narratore e poeta, protagonista domani a Palazzo Bonaguro a Bassano del secondo appuntamento di “Dialogando con l'autore”

L'osservatore romeno

L'"osservatore romeno" Mihai Butcovan

A sentirlo parlare, con quell'inflessione milanese, sembra di avere a che fare con un lumbard della prima ora.
Ma Mihai Mircea Butcovan è un romeno: anzi - come lui stesso ama definirsi - “l'osservatore romeno”. Narratore, poeta, collaboratore di riviste e giornali e educatore professionale, originario di Oradea in Transilvania, vive a Sesto San Giovanni e lavora a Milano dove opera nell'ambito del recupero dei tossicodipendenti e dell'interculturalità.
L'”osservatore romeno” è anche l'intestazione che troviamo nell'home page del suo sito internet (www.mihaibutcovan.it/Mihai_Mircea_Butcovan/Benvenuto.html) dove l'autore illustra a modo suo il proprio percorso creativo e intellettuale, fortemente connesso all'esperienza di migrante ottimamente integrato eppure immerso nel “mare magnum” di pregiudizi, facilitati anche delle notizie di cronaca, riguardanti la sua gente e il suo Paese d'origine.
Qualche titolo dei suoi scritti la dice lunga sul modo disincantato, e insieme molto originale, con cui Butcovan inquadra la questione del “romeno in Italia”: “Allunaggio di un immigrato innamorato”; “Dal comunismo al consumismo - Fotosafari poetico esistenziale romeno-italiano”; “In Padania, sognando Mutu”.
“Quando sono arrivato in Italia, a vent’anni, con la valigia piena di parole romene - scrive di se stesso nel profilo del suo sito web - ho cominciato ad aggiungere parole italiane. Quante ce ne stanno ancora! Oggi aiuto persone in difficoltà. Quando c’è tempo faccio anche lo scrittore e, qualche volta, il poeta. A volte le due cose insieme. E racconto storie.”
Già ospite di una delle passate edizioni della rassegna “Incontri senza confine - Scrittori migranti in città”, organizzata dall'Associazione interculturale “Il Quarto Ponte” di Bassano del Grappa assieme alla libreria “La Bassanese”, Butcovan ritorna a Bassano dove domani, giovedì 28 aprile alle 20.30, interverrà a Palazzo Bonaguro come protagonista del secondo e ultimo incontro del mini-ciclo di serate “Dialogando con l'autore”, su iniziativa sempre dell'Associazione “Il Quarto Ponte” in collaborazione con l'assessorato comunale ai Servizi Sociali.
L'appuntamento - inserito nel ricco programma di “Dialogando”, il progetto del Comune di Bassano dedicato ai temi della migrazione e dell'integrazione (notizie.bassanonet.it/attualita/8169.html) - darà modo al pubblico presente di confrontarsi su tematiche di grande attualità affrontate da un punto di vista fuori dagli schemi e soprattutto dai luoghi comuni. Esattamente come è accaduto due settimane fa nel primo incontro di “Dialogando con l'autore” al Bonaguro, con un sorprendente e avvincente “a tu per tu” con l'autrice ed attrice argentina Candelaria Romero.

Più visti