Pubblicità

Opera Estate Festival

Pubblicità

Opera Estate Festival

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Magazine

Modalità lettura 3 - n.19

Un numero in modalità ascolto del nuovo disco degli Estra

Pubblicato il 02-06-2024
Visto 4.183 volte

Pubblicità

Questo nuovo numero di Modalità lettura, nuovamente in formula di ascolto, è dedicato a un disco appena uscito, anni venti, nuovo lavoro degli Estra.
Il gruppo, formato come agli esordi negli anni Novanta, da Giulio Casale, Abe Salvadori, Eddy Bassan e Nicola Ghedin, ha firmato in questa occasione (se si potesse usare un’immagine, e lo facciamo) raffiche di testi e musica che chiamano al muro, a leggere insieme un’attualità sottolineata con una sorta di evidenziatore nero, mimato un gesto da taglio di quelli che invitano a essere ricordati.

Estra (foto di Gianluca Giangi Conselvan)

Undici brani inediti, il primo un inserto parlato d’autore in cui Marco Paolini dà voce a una certa Signora Jones (c’è un loro Ep intitolato Signor Jones, del 2000), personaggio che ricomparirà a chiudere il cerchio in modo inquietante nell’ultima canzone, cantata con Pierpaolo Capovilla. Un album registrato in studio con la collaborazione di Giovanni Ferrario e Marco Olivotto e finanziato grazie al crowdfunding sulla piattaforma Produzioni Dal Basso, a testimonianza di quanto questa band che ha contribuito a scrivere la storia del rock alternativo italiano sia amata e apprezzata anche a distanza di anni dall’ultimo contatto col pubblico.
Risale al 2003 l’ultimo doppio album registrato dal vivo, che portava il titolo A conficcarsi in carne d’amore, c’è stata poi una nuova occasione di creare e di esibirsi insieme nel 2014, sfociata nella produzione di due singoli e in alcuni concerti. Da allora mai silenzio, una sorta di “ora blu” e alcune apparizioni in formazione e adesso questo disco energico e forte, che le dirà pure in poesia ma certo non le manda a dire, esplicito e urgente.

La copertina del lavoro, firmato moonmusic/Freecom, presenta una ragazzina inquadrata di spalle di fronte a un muro-lavagna senza mattoni, tutto è in grigio sotto a un cielo rosso, lei ha un aspetto curato, attuale, i piedi nell’erba e un martellino colorato in mano.
La Signora Jones accoglie nella prima traccia, il suo breve soliloquio è introdotto da un’aria di marcia funebre, un brano della prima sinfonia di Gustav Mahler eseguito dall’Orchestra Regionale Filarmonica Veneta. La donna, con cadenza dialettale, chiede agli ascoltatori di una radio: Sono solo io? (a preoccuparsi, a indignarsi di fronte al male dilagante, cita barboni bruciati, ragazze violentate dal branco, tutto per ridere). Le risponderà un brusio alieno.
Fa seguito una dirompente Fluida Lol sottotitolata “i ragazzi”, canzone che va in immersione nel disordine cattivo in cui i giovani vivono, abitato da fiori malsani che nulla hanno a che fare con quelli che i poeti intendevano dire, mazzetti insteriliti e isterici che non sanno “che cazzo sia l’amore”.
Il brano che dà il titolo all’album apre con un piano giocoso a cui si unisce presto un’accoppiata chitarra/batteria che porta nelle atmosfere esplosive di Kamikaze politico, pezzo vigoroso del 2014. “Il nero (che) sta con tutto” è il suo protagonista. Gli anni venti, questi e quegli altri che il Novecento ha vissuto e che fanno sentire una forte eco, hanno voglia di un capopopolo e di “Dio e Patria distorti dal megafono”. Poi, annunciato, arrivò il grande crack, all’urlo di “Eia eia eia, alalà”.
In Che ne è degli umani ci sono un “Gianni (che) sul divano si ciuppava le serie” e un’Irina Prijović che manca, tutti egofissi e frustrati intorno.
Nessuno come noi è abitata da un coro di poveri cristi che aspetta aggrappato a una panchina un signor nessuno che venga a cambiare/a salvare. La canzone scorre come un sorriso sereno ma nato sotto alla pioggia. Casale le dà un tono dolceamaro.
Ti ascolto parte con una sorta di sonar da scandaglio, si avverte tra testa e spalle la pressione che schiaccia forte. Prosegue con un racconto epico fatto di immagini e parole molto belle, teatrali, che evocano “battaglie e rese” del tutto umane.
Lascio Roma, un manifesto politico appeso, si apre con note già arrabbiate e s’invola presto in un ritmo punk esortante a pogare, sullo sfondo “sobborghi squadristi e minchioni”, “mafia e fasci e corporazioni”, “albe dorate e rasoi”, dietro e intorno, cinghiali e lupe. Ed è chiaro: tutto ciò “non è il mio stile”. Guardare fisso bubboni e peste, “vaaffar-ci delle inquisizioni” e poi via altrove, urlano gli Estra.
Nel 2026, che sembra un anno lontano lontano, alla Simak — chissà perché poi — ritornano uniformi e un’Italia che è “bugia e moda”, con la sua “cultura da stira e ammira il vuoto che c’è qua”.
Ne Il peggiore, Casale canta lento che “il dolore peggiore è non sentire dolore”. È un racconto molto bello, struggente, che ha al centro un personaggio bravo, coraggioso e buono ondeggiante tra gli opposti, un blues faustiano nell’animo.
Monumenti immaginari raffigura luoghi-tempio attraversati da viavai caraibici, vi si respira “un’altra idea di libertà”. Sono eretti a celebrare “un tempo santo dell’ingenuità”. Il testo è molto profondo, la musica lo attraversa con onde leggere, a contraltare. L’album si chiude con Notte poi, dove è “un bambino che dice oh no!” il simbolo del resistere, esplosa come una mongolfiera la povera bulimica Signora Jones, vittima della comune dieta a pane, proteine e benzodiazepine — è stata trovata riversa a terra nel sabato sera triste di un centro commerciale. Bellissima la musica che chiude da sola con l’ultima pennellata piena di energia, and “have a good night”.

Gli Estra hanno presentato il nuovo lavoro appena sfornato in un doppio concerto da tutto esaurito sabato 18 maggio, al Cso Django di Treviso, e sono già state annunciate nuove date per ascoltare la band e il disco dal vivo: il gruppo si esibirà il 21 giugno a Vascon (Treviso) all’interno della Festa d’Estate; il 28 luglio a Curtarolo (Padova), serata nel programma di Curtarock festival; il 19 ottobre a Rosà, al Teatro Montegrappa, un appuntamento firmato Uglydogs Aps.

Press Edition New

Bassanonet.it Press Edition

Più visti

1

Elezioni 2024

17-06-2024

Tribuno del popolo

Visto 19.375 volte

2

Elezioni 2024

16-06-2024

Ti FdI di me?

Visto 18.720 volte

3

Elezioni 2024

16-06-2024

Marin Le Pen

Visto 18.606 volte

4

Elezioni 2024

19-06-2024

Ultime lettere di Elena Pavan

Visto 18.181 volte

5

Elezioni 2024

19-06-2024

Impegno per Roberto

Visto 17.016 volte

6

Elezioni 2024

17-06-2024

La confederAzione

Visto 16.605 volte

7

Elezioni 2024

17-06-2024

Il ritorno dello Jedi

Visto 16.303 volte

8

Elezioni 2024

18-06-2024

Press conference

Visto 16.092 volte

9

Elezioni 2024

21-06-2024

Facoltà di voto

Visto 12.290 volte

10

Elezioni 2024

20-06-2024

Big Bang

Visto 8.896 volte

1

Elezioni 2024

02-06-2024

Tortelli d’Italia

Visto 45.581 volte

2

Elezioni 2024

31-05-2024

Promesso e non concesso

Visto 32.270 volte

3

Elezioni 2024

10-06-2024

Mezzo e Mezzo

Visto 31.452 volte

4

Elezioni 2024

12-06-2024

Per chi suona la campagna

Visto 30.741 volte

5

Elezioni 2024

03-06-2024

Chiedo Asilo

Visto 30.197 volte

6

Elezioni 2024

05-06-2024

Centrodestra Brenta

Visto 27.100 volte

7

Elezioni 2024

05-06-2024

O così o PD

Visto 24.775 volte

8

Elezioni 2024

15-06-2024

Tutti insieme apparentemente

Visto 24.661 volte

9

Elezioni 2024

29-05-2024

Long Playing

Visto 24.100 volte

10

Elezioni 2024

11-06-2024

Think Fink

Visto 23.765 volte