Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Teatro

Cantame, cantastorie

Martedì 9 agosto a Lusiana, Operaestate ha in cartellone uno spettacolo di teatro e musica a cura di Zelda Teatro e Filippo Tognazzo realizzato per valorizzare il patrimonio culturale popolare del territorio

Pubblicato il 08-08-2022
Visto 4.238 volte

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Il tema-guida di Operaestate Festival, come annunciato, per un triennio sarà “Relazioni”, e lo spettacolo che andrà in scena la sera di martedì 9 agosto a Lusiana, a cura di Zelda Teatro e Filippo Tognazzo, è stato realizzato nel proposito di rinnovare le relazioni con le comunità vicine e valorizzare il patrimonio culturale popolare del territorio. Cantame, contame, fame contento-racconti dell’Altipiano, una coproduzione con il festival, è uno spettacolo di teatro e musica che farà rivivere storie, poesie e filastrocche tramandate nel tempo e narrate insieme alla voce delle comunità di Lusiana- Conco. In tutte le culture è presente il cantastorie, in Europa era il menestrello, in Africa il griot. Assumendo le vesti di cantore della tradizione, Filippo Tognazzo rivisiterà storie e aneddoti popolari, mettendo in racconto e musica l’immaginario e la storia di un territorio. I temi guardano in particolar modo ai racconti popolari, depositari di insegnamenti e di esperienze di memoria collettiva. Lo spettacolo inizia con la vicenda di un cacciatore che in “El Sojo de le anguane” sfida la natura per poi esserne ingannato e annichilito; continua poi con “Il lupo baruffo”, metafora della miseria vissuta dai giovani nei secoli scorsi e della loro ribellione; in “Soldati di nebbia”, Tognazzo fa luce su una pagina dolorosa della storia, ricordando i soldati caduti; continua poi andando alla ricerca della felicità che non risiede nei beni materiali in “La camicia dell’uomo contento” per arrivare alla storia di un vecchio scorbutico e fannullone che pensa solo a sé narrata in “Il mulino di dio”; gran finale con il racconto “Amor nascosto”.
L’accompagnamento musicale sarà affidato a Enrico Milani al violoncello, Francesco Socal al clarinetto e percussioni e Ivan Tibolla, alla fisarmonica e ai fiati.
L’appuntamento è fissato per le ore 21 in Piazza IV Novembre, in centro a Lusiana.

Zelda Teatro

Per informazioni: biglietteria Operaestate Festival, via Vendramini, 35 tel. 0424524214 – www.operaestate.it.

Più visti

1

Politica

27-02-2024

Marinweek

Visto 10.216 volte

2

Attualità

25-02-2024

The Sound of Silence

Visto 10.068 volte

3

Attualità

25-02-2024

Robe di Tappa

Visto 9.994 volte

4

Cronaca

26-02-2024

Centro Schei

Visto 9.862 volte

5

Attualità

29-02-2024

Tar Wash

Visto 9.851 volte

6

Politica

29-02-2024

Giovine e sbadato

Visto 9.657 volte

7

Attualità

28-02-2024

L’uovo alla C.U.C.

Visto 9.637 volte

8

Attualità

26-02-2024

Eau de Toilette

Visto 9.565 volte

9

Politica

28-02-2024

Si Salvini chi può

Visto 9.283 volte

10

Attualità

26-02-2024

DG La7

Visto 9.257 volte

1

Politica

20-02-2024

Sant’Elena

Visto 20.762 volte

2

Politica

10-02-2024

Il grande momento

Visto 13.775 volte

3

Attualità

03-02-2024

Da Bassano con Furore

Visto 12.926 volte

4

Attualità

06-02-2024

Piani Baxi

Visto 11.730 volte

5

Politica

03-02-2024

Campagnolo elettorale

Visto 11.583 volte

6

Politica

04-02-2024

Giunta comunale

Visto 11.469 volte

7

Attualità

07-02-2024

Sarò lapidario

Visto 11.395 volte

8

Attualità

04-02-2024

Vota Antonio, Vota Antonio bis

Visto 11.165 volte

9

Politica

18-02-2024

A Brunei

Visto 10.972 volte

10

Attualità

02-02-2024

Il sig. Francesco

Visto 10.911 volte