Pubblicità

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 13-11-2012 16:36
in Magazine | Visto 2.928 volte

“Novecento” fa tremila

Buona affluenza di pubblico nel primo mese di apertura e un novembre ricco di eventi collaterali. Positivo il primo bilancio della mostra bassanese dedicata all'arte del secolo scorso

“Novecento” fa tremila

Giorgio De Chirico: "Piazza d'Italia". Tra le opere esposte in "Novecento Italiano - Passione e Collezionismo" al Museo Civico di Bassano

Per carità: non saranno Raffaello e Picasso, ma anche Burri e Sironi - per citare a caso soltanto due dei 46 autori protagonisti della rassegna - hanno il loro perché.
E così, la mostra “Novecento Italiano - Passione e Collezionismo”, aperta al pubblico lo scorso 20 ottobre al Museo Civico di Bassano del Grappa, ha registrato un brillante avvio in termini di presenze e di gradimento da parte di visitatori.
Lo conferma il primo bilancio provvisorio sull'andamento dell'esposizione: le prime settimane - complice anche il lungo ponte di inizio novembre - segnano infatti una buona affluenza, tanto che si calcola di giungere entro pochi giorni a 3000 presenze, destinate ad aumentare a seguito delle prenotazioni giunte da gruppi e scolaresche.
Il mese di novembre, in particolare, sarà ricco e interessante anche per quanto riguarda le iniziative collaterali, inserite in un calendario di musica, letteratura e teatro studiato per creare al visitatore un percorso di avvicinamento alla rassegna che faccia conoscere in maniera più ampia e approfondita l'arte e la cultura del secolo scorso.
Il programma collaterale “Attorno alla mostra” - di cui diamo informazioni più dettagliate in un altro articolo nel canale “cultura” di Bassanonet (cultura.bassanonet.it/magazine/12007.html) - prevede innanzitutto il ciclo di incontri “Sulle tracce del Novecento letterario italiano”, ospitato in Biblioteca civica. Ancora tre gli appuntamenti in agenda, a ingresso libero (e in scaletta venerdì 16 novembre, venerdì 23 novembre e venerdì 30 novembre, tutti con inizio alle ore 17): saranno presentate, rispettivamente, le figure di tre autori del '900 italiano del calibro di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Primo Levi ed Eugenio Montale.
Palazzo Sturm dà invece spazio agli “Incontri alla tastiera” (ingresso libero, previa prenotazione), con due concerti in programma domenica 18 e domenica 25 novembre, con inizio alle 16.30.
Per il teatro, Luca Scarlini dà appuntamento a giovedì 22 novembre (Teatro Remondini, ore 21) con il suo “Collezione molto privata”, racconto scenico con accompagnamento musicale sull'arte e il collezionismo d'arte in Italia dal '900 ad oggi.
Ritornando alla mostra, in qualunque momento sono possibili percorsi personalizzati per le scuole - previo accordo con la sezione didattica del museo - e laboratori didattici per gli alunni, dedicati a “Il carrello della creatività”, “Laboratorio colore” e “De Chirico, Guttuso, Ligabue”.
Per venire incontro alle esigenze di tutti i visitatori sono state studiate varie fasce di prezzo: intero a 10 euro, ridotto a 8 euro per ragazzi dagli 11 ai 18 anni, oltre 65 anni, studenti universitari fino a 26 anni, gruppi superiori a 15 unità, Soci TCI, Soci COOP, Carta Più Feltrinelli, abbonati o titolari di biglietto di Operaestate, iscritti alla Biblioteca Civica di Bassano del Grappa, disabili e invalidi riconosciuti dalla legge.
Una fascia di biglietti “ridottissimi” a 4 euro è riservata ai residenti nel Comune di Bassano del Grappa e agli studenti delle scuole superiori. Chi volesse entrare in mostra e a Palazzo Sturm un numero illimitato di volte può acquistare infine un abbonamento a 15 euro.

Pubblicità

Più visti