Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 07-01-2010 22:58
in Sociale | Visto 4.750 volte

Montagna per tutti

Presentata a Bassano “Itinerari per disabili e non solo”, guida escursionistica per le persone con difficoltà motoria. Un lavoro di squadra tra Provincia, “Vicenzaè” e “Conca d'Oro”

Montagna per tutti

La conferenza stampa di presentazione della guida. Da sinistra: Dario Favrin, Dino Secco, Mariuccia Lorenzi e Fabio Comunello

27 itinerari di montagna e di collina, per un totale di 65 chilometri di percorsi, tra i paesaggi più belli del nostro territorio: attorno a Bassano, Marostica, in Valbrenta, sull'Altopiano di Asiago e sul Massiccio del Grappa.
E' l'innovativo contenuto di “Itinerari per disabili e non solo”: la pubblicazione, fresca di stampa, che la Provincia di Vicenza e il Consorzio di promozione turistica “Vicenzaè” hanno voluto realizzare per offrire un prezioso strumento di consultazione, nel campo dell'escursionismo, alle persone con difficoltà motorie. utenti in carrozzina compresi.
Ciascun itinerario - prescelto in base all'accessibilità e al minimo dislivello - è corredato, nella guida, da utili informazioni sulle caratteristiche tecniche del tracciato, sulla stagionalità, sulle strutture ricettive e sulle curiosità naturalistiche e culturali lungo il percorso.
L'agile manuale è il frutto di un lavoro di squadra tra l'autore - l'appassionato esperto di montagna Dario Favrin - per la parte escursionistica, l'associazione “Conca d'Oro” onlus per la parte sociale, il CAI per il supporto tecnico e appunto la Provincia e “Vicenzaè” per la parte relativa alla promozione turistica.
“Questa iniziativa - ha affermato in conferenza stampa, alla sede IAT di Bassano, il vicepresidente della Provincia e presidente di “Vicenzaè” Dino Secco - si rivolge non solo al mondo della disabilità intesa come handicap ma anche a tutte le altre persone con problemi, anche temporanei, di movimento: come gli infortunati, i convalescenti, gli anziani o le mamme con i figli in carrozzina. Abbiamo fatto sì che il turismo sia sempre più vicino a queste persone.”
“L'idea di questa guida - ha rimarcato il presidente di “Conca d'Oro” Fabio Comunallo - è quella che l'approccio al disabile è un fatto culturale. Ci siamo basati su due principi: la sobrietà, e cioè la semplicità dei percorsi proposti, e l'alterità, ovvero il senso della reciprocità che ci fa pensare anche agli altri.”
“Questo lavoro fatto a più mani - ha commentato il direttore dei Servizi Sociali dell'Ulss 3 Mariuccia Lorenzi - aggiunge un tassello importante a tutta la rete dei servizi per la disabilità. C'è un'offerta di accessibilità alla montagna e all'ambiente che va bene per tutti, perché abbiamo ormai un pensiero della non autosufficienza che va oltre alla disabilità.”
Il consigliere comunale Paola Facchinello, in rappresentanza dell'assessore al sociale Lorenza Breda, ha sottolineato l'utilità della pubblicazione “per persone che hanno gli stessi diritti di cittadinanza degli altri”.
“Si tratta di un lavoro di ricerca che ho fatto nel tempo - ha spiegato l'autore Dario Favrin - sulla base della cartina del CAI “Canale del Brenta”. Ho fatto dei test sui percorsi con i disabili e ho fatto in modo che sia bandito il concetto dei “percorsi fatti apposta” per la disabilità. E' un programma che inizia da Bassano, ma dovrebbe andare avanti in tutta Italia.”
E intanto, da cosa nasce cosa. La Provincia e “Vicenzaè” stanno predisponendo un programma di informazione sulle strutture alberghiere nel territorio per persone disabili e l'instancabile Dario Favrin pensa già a una nuova guida, rivolta questa volta alle persone cieche e ipovedenti.
E questo perché, come ha ben detto l'autore, “la natura è una delle migliori medicine.”

Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 - Candidati Bassanesi a confronto

Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 Candidati Bassanesi a confronto #conosciltuovoto Il progetto Libertà è Parola nasce con una...

Più visti