Pubblicato il 08-04-2010 21:36
in Calcio | Visto 1.964 volte

S'infiamma la lotta per i playoff

Prato, Gubbio, Sangiovannese e Itala San Marco contendono un piazzamento nella griglia degli spareggi al Soccer Team. Ecco il calendario della volatona e il check up delle formazioni coinvolte.Fabiano: “Credo che molto dipenderà da noi”.

S'infiamma la lotta per i playoff

Il gruppo del Bassano è pronto a gettarsi nella mischia: per raggiungere i playoff servono come minimo 4 vittorie e un pari in cinque incontri (foto Andrea Martinello)

Mai come quest’anno impazza la lotta per un piazzamento fra le prime cinque del torneo. Il numero di squadre coinvolte (e il numero di tifosi) rende il campionato più aperto e appassionante che mai. Narrando le vicende che riguardano il Bassano Virtus ci si accorge che dai 46 punti del Prato ai 40 dell’Itala San Marco (anche la Sangiustese, 39 punti, potrebbe rientrare ma deve affrontare un calendario piuttosto impegnativo e dispone di valori inferiori rispetto alle squadre che la precedono) ci sono cinque squadre (per due posti) che ambiscono, legittimamente, a raggiungere il prestigioso traguardo. In caso di arrivo a pari punti conteranno gli scontri diretti, il Bassano è in vantaggio con la Sangiovannese mentre la situazione è in perfetta parità con Prato, Gubbio e Itala SM. In questo caso conterà la differenza reti: la situazione attuale, ma in cinque gare tutto può essere stravolto, è Prato +12, Gubbio +9, Bassano +8 e Itala +5.

Ecco la volata per l’accesso ai playoff*:

PRATO 46GUBBIO 44SANGIO 44BASSANO 41ITALA 40
GIACOMENSECELANOPOGGIBONSISANGIUSTESEPRO VASTO
LUCCHESEPro VastoGiacomenseFanoCelano
SangioGIACOMENSEPRATOCELANOPOGGIBONSI
GUBBIOPratoSangiustesePro VastoFano
Itala SMPOGGIBONSISAN MARINOCARRARESEPRATO

*in maiuscolo le partite in trasferta

Curioso sottolineare che arbitro della bagarre potrebbe essere la Giacomense dell’ex Paolo Minardi: la formazione ferrarese (che ha un ruolino simile sia in casa che fuori) nei prossimi tre turni incontrerà Prato e Gubbio in casa, Sangiovannese fuori. A loro volta sia il Gubbio che la Sangiovannese devono affrontere il Prato. Tutte le contendenti devono disputare tre gare su cinque in trasferta.

Di seguito il check up di bassanonet sulle formazioni impegnate nella lotta playoff. Teniamo, però, presente che il passato prossimo e remoto insegna a non lasciarsi condizionare da ciò che appare sicuro, in base alle ultime indicazioni offerte dal campionato.

-il Prato parte in vantaggio ma tale vantaggio viene in parte compensato dagli scontri con Lucchese, e Sangiovannese e Gubbio. Inoltre nelle ultime cinque partite i toscani non hanno certamente viaggiato con il vento in poppa: sono sei i punti che hanno racimolato figli di tre sconfitte e due vittorie.

-il Gubbio ha attraversato un lungo periodo di appannamento, che ha permesso a Sangio, Bassano e Itala di accorciare le distanze. Nell’ultimo turno ha avuto la meglio sulla Carrarese solo in prossimità del novantesimo. La qualità della formazione umbra è fuori discussione, bisogna valutare se il peggio (tre sconfitte e due vittorie negli ultimi cinque incontri) è alle spalle e la prossima trasferta di Celano può aiutare molto in questo senso.

-la Sangiovannese sta vivendo un ottimo momento. Sono undici i punti raccolti nelle ultime cinque uscite tra cui le vittorie contro la Lucchese in casa e la Pro Vasto in trasferta. Un Poggibonsi rinforzato e reduce da due sconfitte non le renderà la vita facile il prossimo turno. Le altre insidie sono il Prato (in trasferta) e il San Marino all’ultima ma allora i giochi potrebbero già essere fatti.

-il Bassano è la squadra più in forma. Dal blitz in casa del Gubbio in avanti ha innestato una marcia prepotente, frenata con l’Itala e la Lucchese più per demeriti propri o sfortuna che per la superiorità degli avversari. Nella rincorsa ai playoff potrebbe pesare l’assenza di La Grotteria ma il ritorno di Fabiano (con gol decisivo incorporato) fa sorridere i giallorossi. Altro asso nella manica: condizione fisica generale e una rosa ricca di giocatori di talento e personalità che si presentano allo sprint finale freschi e motivati. Basti pensare allo stesso Fabiano, a Vecchio, Anaclerio, Guariniello, Zanetti, Beccia e Martina. Occhio allo scontro epico con il Fano previsto per domenica 18 al “Mercante”.

-l’Itala San Marco è la vera incognita. Le partenze di Neto Pereira per Varese e Drascek per Novara l’hanno indebolita, la situazione societaria non è delle più rosee (e questo può pesare anche in ottica fidejussione per l’iscrizione al prossimo campionato). Nelle ultime cinque gare ha ottenuto sei punti (tre pareggi, una vittoria e una sconfitta) però può giocare senza pressioni e con la mente sgombra: la situazione ideale per raggiungere buoni risultati.

Parla Fabiano. I tre punti strappati col sudore della fronte e grazie ad una magia di Fabiano che certifica il ritorno, pesantissimo, dell’esterno col vizio del gol hanno fatto tornare il sorriso e l’ottimismo in casa giallorossa. La beffa subita con la Lucchese è definitivamente alle spalle ora la squadra è già concentrata per la delicata sfida di Monte San Giusto. Per questo la società ha organizzato una partenza anticipata a venerdì. Il messaggio è chiaro: il momento è solenne, tutto va curato e ponderato fin nei minimi dettagli. “Quello che abbiamo dimostrato a Bellaria è che questo Bassano non dipende dai singoli ma che qui c’è tanta gente in grado di fare la differenza – annota Gianni Fabiano –. Il nostro dovere è mantenere questa convinzione fino alla fine e, credetemi, non ci riuscirà difficile perché siamo tutti assolutamente convinti che giocando con lo spirito dimostrato possiamo vincere tanto. Per me la felicità è doppia perché tornare dopo tanto tempo e decidere la gara regala una marcia in più”. Vincere è lasciare a terra ogni ancoraggio. Umiltà, concentrazione ma anche coraggio: “Il nostro motto sarà quello di preparare bene partita dopo partita e mai e poi mai accontentarsi del punto. Con la Lucchese mi sembra si sia visto. Sappiamo che manca poco ma noi siamo in palla: i risultati e le prestazioni lo dimostrano. Per questo siamo carichi per preparare al meglio il prossimo match, io credo che l'esito finale dipenderà molto da noi”.

Più visti