Pubblicato il 01-04-2010 10:02
in Attualità | Visto 2.444 volte

"Incontri senza censura", si parte

Giovedì 1° aprile alle 20.45 inizia il nuovo palinsesto culturale bassanese con due temi scottanti: multe e ricostruzione dell'Abruzzo.

Giovedì 1° aprile debutta a La Bassanese l’avv. Emilio Ponticiello esperto in ricorsi mossi dai cittadini e dalle Associazioni di consumatori, per difendere eventuali sanzioni errate che le P.A. emettono attraverso gli agenti del traffico.
Nella parte centrale del dibattito affronteremo un tema caldo che molto spesso la stampa ha evidenziato:i nuovi sistemi elettronici ( autovelox-tutor e t-red) sono installati per la sicurezza o per fare cassa? Infatti molto spesso i bilanci comunali sono sorretti da aumenti di previsione di entrate da multe e sanzioni? Come si fa a preventivare prima, l’indisciplina stradale dei cittadini? Il Codice della strada è chiaro su un punto: le entrate da sanzioni stradali devono essere reinvestite per la sicurezza dei cittadini, ma è proprio così? I parcheggi a pagamento possono essere stabiliti senza dare alternative a soste libere?
Affrontiamo un delicato argomento, ma questa volta dalla parte dei cittadini.

Venerdì 2 aprile alle 20.45, gli “Incontri senza censura” affronteranno un tema delicato, per il quale la stessa magistratura sta indagando: Il terremoto dell’Aquila e la sua “ri-costruzione”. Saranno ospiti il geologo e ricercatore Gianpaolo Giuliani, la persona che aveva avvisato della forte scossa ma al quale le istituzioni e parte del mondo scientifico non hanno dato ascolto, e Samanta Di Persio, scrittrice e autrice di molti articoli apparsi in blog e riviste ( tra le quali Micro Mega) nei quali denuncia soprusi a carico dei cittadini. Vive tuttora all’Aquila, è una sfollata del terremoto, porterà la sua testimonianza di cos’è accaduto quella notte, ma anche come gli abruzzesi convivevano da 6 mesi con lo sciame sismico culminato il 6 aprile 2009 alle 03.32. Ma porterà anche le testimonianze raccolte nel suo libro “Ju Tarramutu” di abitanti, parenti delle vittime, giovani della Casa dello studente, vigili del fuoco, giornalisti che hanno dichiarato di essersi trovati nel paradosso di informare male perché informati con false notizie da organi ufficiali.
Ad un anno dalla tragedia dell’Aquila, gli “Incontri senza censura” vogliono dare il loro contributo culturale dedicando la serata alle vittime dell’Abruzzo, affinché la tragedia venga ricordata e ne possano essere evitate altre in futuro.

Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 - Candidati Bassanesi a confronto

Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 Candidati Bassanesi a confronto #conosciltuovoto Il progetto Libertà è Parola nasce con una...

Più visti