Pubblicità

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 19-03-2021 14:21
in Cronaca | Visto 7.803 volte

Uccellato

Bracconiere di Valrovina scoperto e denunciato dalla Polizia Provinciale. Abbattimenti illegali in periodo di chiusura della caccia. Sequestro di armi e di fauna particolarmente protetta

Uccellato

Alcuni esemplari di uccelli particolarmente protetti uccisi dal bracconiere

Caccia in periodo di chiusura, armi modificate, abbattimenti illegali, uccelli superprotetti.
Non si è fatto mancare nulla B.L., cinquantenne residente a Valrovina di Bassano del Grappa, denunciato dalla Polizia Provinciale a seguito di una delle operazioni antibracconaggio più ingenti della stagione.
Dopo lunghe indagini e numerosi appostamenti, qualche sera fa a Valrovina gli agenti provinciali dei distaccamenti di Thiene e Asiago hanno sorpreso l’uomo che, con il favore della luna piena, cacciava di notte in periodo di chiusura generale della caccia. Imbracciava un fucile munito di silenziatore e visore notturno, severamente vietati dalla legge sulle armi.
La successiva e immediata perquisizione della sua abitazione ha permesso agli agenti di scoprire che il cacciatore deteneva numerose armi non correttamente custodite, oltre a due celle frigorifere piene di carne appartenente a caprioli, cervi, camosci e cinghiali abbattuti e detenuti illegalmente. Nei frigoriferi erano presenti circa una novantina di sacchetti di carne congelata, con le indicazioni della data e della specie scritte con un pennarello indelebile. Durante la perquisizione sono stati sequestrati anche un gufo comune impallinato, altri uccelli impagliati appartenenti a varie specie particolarmente protette come il picchio nero, il picchio verde, il re di quaglie, il beccofrosone e l’upupa, oltre a tagliole, trappole e reti da uccellagione. Il cinquantenne bassanese aveva predisposto un rudimentale quanto efficace sistema che lo avvertiva in tempo reale degli animali presenti sui campi: un lungo filo teso attraverso il bosco e collegato ad una campanella che suonava in casa sua quando qualche animale toccava il filo.
“Gli episodi di bracconaggio sono in diminuzione rispetto al passato - commenta il comandante della Polizia Provinciale Claudio Meggiolaro -, ma sono più complessi da individuare perché vengono utilizzati strumenti più sofisticati, come silenziatori e visori notturni. Ogni operazione richiede tempo e perseveranza, ma sono controlli doverosi a tutela del nostro territorio e soprattutto delle specie animali protette.”
B.L. è stato denunciato all’autorità giudiziaria e rischia fino a 3 anni di carcere per la modifica dell’arma, fino a un anno di arresto e qualche migliaio di euro per gli articoli violati in materia di caccia.

Pubblicità

Più visti