Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 04-05-2017 22:26
in Attualità | Visto 2.089 volte

Pengo al dunque

Questione “Area Pengo”: il sindaco Poletto replica al duro intervento del presidente di Confcommercio Lunardi. “Riqualificazione di superfici già esistenti, nessuna autorizzazione a nuove superfici commerciali”

Pengo al dunque

Una porzione dell'attuale "Area Pengo" in via Capitelvecchio (foto Alessandro Tich)

Questione “Area Pengo”: non si è fatta attendere la replica del sindaco di Bassano del Grappa Riccardo Poletto al duro intervento del presidente mandamentale di Confcommercio Bassano Paolo Lunardi, di cui ci siamo già occupati nel precedente articolo intitolato “Pengo al sodo”.
Complice la diffusione del comunicato stampa di Confcommercio sul web, la risposta del primo cittadino è arrivata già in giornata, tramite un comunicato diffuso alle redazioni nel pomeriggio, che pubblichiamo di seguito:

COMUNICATO

In riferimento al comunicato stampa diffuso dal presidente di Confcommercio Bassano Paolo Lunardi relativo all’accordo pubblico-privato per la ristrutturazione e la rigenerazione urbana del complesso commerciale di via Capitelvecchio, pur comprendendo le preoccupazioni che animano i commercianti del centro storico, con i quali da tempo stiamo collaborando su più fronti per riqualificare il cuore della nostra città, crediamo siano necessarie alcune importanti precisazioni.
L’accordo approvato dal consiglio comunale non prevede l’autorizzazione a nuove superfici commerciali, ma solo la riqualificazione e la ricomposizione di superfici già esistenti: non ci sono quindi né consumo di suolo né cambiamento della destinazione urbanistica già in essere, che rimane industriale/commerciale.
Il cambiamento prevede la riduzione della superficie complessiva edificata da circa 10.000 a circa 8.000 metri quadrati.
In questo modo si impedisce anche l’ulteriore sviluppo di nuove superfici per il futuro (che potenzialmente potrebbero arrivare per diritto a più di 14.000 metri quadrati) e si riduce il numero degli ingressi all’area dalla strada (tenuto conto del fatto che ogni ingresso è potenzialmente un problema), che passano da due a uno con la creazione di una corsia di decelerazione interna nell’area privata.
Si tratta dunque, in tutto e per tutto, della riqualificazione di una zona della città particolarmente importante, collocata lungo uno degli ingressi principali di Bassano a sud del centro storico, che oggi non rappresenta di certo il migliore biglietto da visita per la nostra città.
Allo stesso tempo rinnoviamo la nostra disponibilità e il nostro impegno a lavorare e a collaborare - così come abbiamo fatto con l’ufficio di pianificazione urbana di Confcommercio Nazionale citato dal Presidente Lunardi - con Confcommercio e con tutti coloro che vivono, operano ed hanno idee per valorizzare il centro storico della nostra città.

Il sindaco
Riccardo Poletto

Più visti