Pubblicato il 06-06-2015 11:13
in Attualità | Visto 2.461 volte

A Venezia la presentazione della 35^ edizione Opera Estate Festival

Dal 25 giugno a Bassano del Grappa e nelle città palcoscenico del festival: danza, teatro, musica, cinema, tra innovazione e tradizione, tra il paesaggio, la storia, l’arte e il gusto di una terra tutta da scoprire

A Venezia la presentazione della 35^ edizione Opera Estate Festival
Operaestate Festival Veneto presenta la sua 35^ edizione: a Bassano del Grappa e in tutta la Pedemontana Veneta: tra giugno e settembre, in 40 “città palcoscenico”. Danza, teatro, musica, cinema, tra innovazione e tradizione, tra il paesaggio, la storia, l’arte e il gusto di una terra tutta da scoprire, in un viaggio spettacolare lungo un’intera estate. Un viaggio vero, che attraversa il Veneto della storia e quello più contemporaneo, che esalta luoghi di eccellenza e accompagna tanti artisti giovani e pieni di talento. E ancora una volta i fondamenti di Operaestate: progettare in rete a tutti i livelli, da quello locale a quello transnazionale, aprirsi al mondo e dare valore al territorio, promuovere la più viva tradizione e sostenere la più originale innovazione, hanno consentito anche per il 2015 di mantenere un presidio dal valore culturale e sociale, oltre che economico, ampiamente dimostrato.

BASSANO E LE CITTA’ PALCOSCENICO (il festival diffuso - luglio/agosto)
Bassano, capofila del progetto, presenta un cartellone pieno di danza, musica e teatro declinati in più di un percorso e intercettando linguaggi diversi. Da qui si diffonde lungo tutta la Pedemontana Veneta, con sconfinamenti anche in Trentino. Tanti i percorsi sviluppati, ma due in particolare segnano il programma 2015: il primo, aderente al centenario della prima guerra mondiale, è LA GUERA GRANDA “Ma nel cuore nessuna croce manca”. Un titolo già evocativo con quel “granda” ancora più “grande” che in lingua per il senso di spaesamento, di incapacità di comprendere un conflitto così immenso e feroce, proprio qui, in queste terre. “Granda” anche nella spropositata necessità di accogliere in enormi architetture i resti delle innumerevoli vittime, da cui i versi da “San Martino del Carso” di Ungaretti: “Ma nel cuore/ Nessuna croce manca” (e che si conclude con: “E’ il mio cuore/Il paese più straziato”). Ecco allora che tra i luoghi della Pedemontana, con ancora presenti segni fisici e memorie, verranno ambientati progetti originali per sapere, capire, ricordare. L’altro percorso, chiamato “Exp(l)orando” prende solo spunto dall’Expo 2015 per proseguire in realtà in un viaggio ormai consueto per il festival, attraverso territori emotivi e spazi fisici, contrassegnato da un forte radicamento a una terra, capace di far germogliare arte e pensiero, cibo e cultura: con cene-spettacolo, drammaturgie originali, degustazioni e passeggiate teatrali “lente”.

B.MOTION (scena contemporanea festival – agosto/settembre)
Riconosciuto a livello nazionale ed internazionale come uno dei progetti artistici più interessanti in Italia, B.Motion prosegue con forte convinzione la sua indagine sui linguaggi del contemporaneo nella Danza e nel Teatro. 34 appuntamenti in 9 giorni di cui 19 prime nazionali. Il meglio della scena nazionale ed europea più giovane e innovativa. Molti degli artisti in cartellone sono sostenuti e coinvolti nelle diverse progettazioni del CSC/Centro per la scena contemporanea di Bassano. Generato dal festival è attivo tutto l'anno con programmi di residenza, formazione e sostegno ai talenti più innovativi. Il valore del lavoro svolto è stato riconosciuto anche dall’Unione Europea con ben 11 progetti vinti sui programmi Cultura della UE.
Operaestate unisce in una rete del tutto originale i suoi enti promotori: la Regione del Veneto e la Città di Bassano del Grappa con tutti gli altri comuni: Asiago, Asolo, Borgo Valsugana, Borso del Grappa, Campolongo sul Brenta, Cassola, Castelfranco Veneto, Cismon del Grappa, Cittadella, Dueville, Enego, Feltre, Galliera Veneta, Gallio, Loria, Lusiana, Marostica, Mogliano Veneto, Molvena, Montecchio Maggiore, Montorso, Nove, Possagno, Pove del Grappa, Rosà, Rossano Veneto, San Martino di Lupari, Santorso, San Nazario, San Zenone degli Ezzelini, Schio, Solagna, Tezze sul Brenta, Thiene, Tonezza del Cimone, Valdagno, Valstagna e quelli che lo sostengono: Unione Europea/Europa Creativa, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Fondazione Cariverona e Fondazione Antonveneta, Ambasciate e Istituti di Cultura internazionali, e le aziende del Club Amici del Festival.

Libertà è Parola

Libertà è Parola: “Scuola: tra passato e futuro” Intervista a Gianni Zen

Nelle emergenze, come nel quotidiano, il tema della #scuola ritorna sempre: infrastrutture, didattica, qualità e molto altro. Col nostro ospite,...

Più visti