Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 02-04-2015 13:53
in Attualità | Visto 2.249 volte

Pesce Card

La notizia della carta turistica prepagata “Bassano Card” era il nostro pesce d'aprile 2015. Con la “complicità” del presidente degli Albergatori Roberto Astuni. Ma lo scherzo ha messo in luce un'idea che sarebbe molto gradita in città

Pesce Card

Foto: archivio Bassanonet

Il nostro affezionato e attentissimo utente “rogas”, il primo a commentare l'articolo, aveva capito tutto. Del resto, non mancavano - come sempre - alcuni dettagli che perlomeno potessero generare il seme del dubbio.
La notizia della “Bassano Card”, la carta turistica prepagata per tutta una serie di benefit, sconti e agevolazioni per i turisti che arrivano a Bassano, era il nostro pesce d'aprile 2015. Oltretutto, i nostri più affezionati lettori dovrebbero ormai essere abituati al fatto che al primo di aprile la nostra redazione, tradizionalmente, va a fare un salto in pescheria.
Questa volta però, per dare ulteriore verosimiglianza all'argomento trattato, abbiamo trovato la “complicità” di un esterno: il presidente degli Albergatori di Bassano Roberto Astuni. Il quale, a sua volta, ha ri-postato l'articolo ittico-giornalistico nella sua pagina facebook.
La cosa interessante, a riguardo del nostro brodetto di pesce 2015, è che l'idea della “Bassano Card” - come ci riferisce il presidente degli Albergatori in merito alle reazioni nella sua pagina social - è stata mediamente accolta molto positivamente dalla community degli addetti ai lavori del settore ristorazione e turismo. Segno che un'iniziativa del genere, a Bassano, sarebbe utile e gradita.
“Sono stato al gioco molto volentieri - commenta e conferma Roberto Astuni nel day after del pesce di Bassanonet -, anche per fare una riflessione. Anche da qui può nascere infatti una riflessione importante, visto che molti hanno accolto favorevolmente l'iniziativa e molti hanno sperato che questa Card contenesse anche altri servizi. Ho ricevuto anche qualche telefonata di baristi e altri operatori che mi chiedevano come aderire all'iniziativa. Una Card per il turismo, peraltro, è un servizio già presente in molte città turistiche.”
Insomma: vuoi vedere che da una notizia costruita nell'acquario non possa sorgere, in futuro, un reale progetto - condiviso dal territorio - di carta elettronica finalizzata a agevolare il soggiorno o il pernottamento di chi sceglie Bassano del Grappa quale destinazione per mangiare, dormire o fare visite culturali o escursioni all'aria aperta?
Astuni riferisce anche della reazione di un suo collega albergatore che, pur condividendo l'idea, si dice contrario ad offrire ai turisti muniti di Card “la seconda notte gratis in hotel”. Segno che qualora e quand'anche un progetto di “carta del turista” prendesse realmente e concretamente forma a Bassano, sedicente città turistica, non sarà mai accettato all'unanimità.

Bassanonet TV

Libertà è Parola

Libertà è Parola: "Italia digitale: nessuno sia lasciato indietro"

L’Italia, un paese che, come tutti, si è dovuto “scoprire” digitale per rispondere all'emergenza. Oggi, di fronte ad un futuro che nasconde...

Più visti