Pubblicità

Opera Estate Festival

Pubblicità

Opera Estate Festival

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Incontri

Il Beat che parlava americano

Al Teatro Comunale di Vicenza, City Lights ha acceso i riflettori su un'epoca, la sua cultura, la sua musica

Pubblicato il 09-06-2024
Visto 3.543 volte

Pubblicità

Opera Estate Festival

Nella giornata di ieri, sabato 8 giugno, il Teatro Comunale di Vicenza in un percorso interno itinerante tra foyer e spazi del Ridotto ha ospitato un festival allestito in parallelo con la mostra Pop/Beat-Italia 1960/1979. Liberi di sognare.
In scena, una serie di appuntamenti dedicata ai temi e alle estetiche declinate nell’esibizione visitabile nella Basilica Palladiana dallo scorso marzo, che si concluderà il prossimo 28 luglio.
City Lights, questo il nome della manifestazione (il titolo scelto in omaggio alla celebre Libreria di San Francisco fondata da Lawrence Ferlinghetti con Peter D. Martin, che divenne luogo di elezione culturale) è stato un evento promosso dalla Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza in collaborazione con l’assessorato alla cultura e al turismo del Comune che ha inteso rappresentare una vetrina su quel periodo storico, soprattutto riguardo al mondo della musica, ad aspetti sociali, ad ambiti poetici e letterari.

Titino Carrara all'apertura di City Lights, al Teatro Comunale

La direzione artistica affidata a Marco Ghiotto, giornalista e critico musicale che ha condotto alcuni degli appuntamenti, il festival in un programma articolato ha proposto un susseguirsi di performance, reading, talk, concerti e improvvisazioni musicali con protagonisti attori, autori, musicisti e alcuni ospiti speciali come Carlo Massarini, che di recente ha fatto tappa anche a Bassano, intervistato da Francesco Nicolli, e il celebre sassofonista James Senese.
Il cartellone è stato diviso in due sezioni: la prima, di cui parleremo, è stata dedicata al Beat americano.

L’apertura è stata affidata ai versi di Howl, testo che è diventato manifesto della Beat Generation scritto da Allen Ginsberg interpretato dalla voce di Titino Carrara, la lettura è stata accompagnata al sax da Alessandro Alba. La pubblicazione, come è noto alle cronache, finì processata per oscenità per i riferimenti espliciti all’uso di droghe e a pratiche sessuali dalle tinte arcobaleno. L’oscenità vera che emergeva dal testo urlato, il fuori scena destinato a stare bene al riparo dietro alle tendine a fiori di casa messo poeticamente sotto attacco era la sacra American way of life tutta “God, Mom and Apple Pie” e votata al dio del consumismo di cui vediamo bene gli effetti nell’odierno — si sa, il poeta è veggente, o non è.
In prosecuzione, Carrara con il contributo di Giorgia Antonelli ha interpretato alcuni testi di Jack Kerouac, brani intervallati da musiche di Charlie Parker eseguite dalla formazione contrabbasso, batteria, sax e piano guidata da Danilo Memoli. Tra gli altri compagni d’armi citati, in questa battaglia di menti che andarono forsennatamente alla ricerca di una nuova aurora, un piccolo popolo innamorato dello stupore, a fianco a Kerouac vi fu il cinico coltissimo William S. Burroughs e poi Neal Cassady, quest’ultimo vero emblema di quella che fu questa generazione dal battito intenso.

L'incontro successivo ha avuto luogo nel foyer del Comunale, dove Ghiotto ha proposto una lezione-spettacolo corredata da ascolto di dischi che ha avuto al centro i leggendari Velvet Underground, gruppo statunitense nato negli anni Sessanta con catalizzatore Lou Reed (figura geniale, fu anche scrittore), realtà artistica che rappresentò una sorta di laboratorio avanguardistico e multimediale di sperimentazione estrema apprezzato da subito da Andy Warhol — la luce anche qui, bianca, raffigurata in un album che, fu scritto, “esibisce un assalto frontale a qualsiasi barriera culturale ed estetica”, in scena l’alienazione buia generata dal consumismo e insieme l’anima del gruppo spogliata di ogni compromesso.
Sui colori da spiaggia giallo-arancio del Beat passavano anche ombre proiettate da angeli neri, espresse in musica pensieri e parole.

Il terzo appuntamento in cartellone ha proposto un concerto applauditissimo e in vero sorprendente che ha avuto come protagonista il gruppo Dan Martinazzi&The Torture Never Stops. La band ha proposto l’interpretazione di alcuni brani celebri di Frank Zappa, grande musicista statunitense che scelse come casa la West Coast, guardando on the wild side, ovvero scelti tra la produzione mastodontica dell’eclettico musicista e compositore — che ha lasciato pochi eredi a fronte di tanta eredità, è stato ricordato — guardando più al suo lato rock. Inclusa nella scaletta, ovviamente, Torture Never Stops, i brani eseguiti in concerto hanno restituito vitalità e una singolare attrattiva all’ascolto.
Il progetto di tributo è stato ideato da Dan (Daniele) Martinazzi nel 2019 e ha visto impegnati sul palco, protagonisti dell’esibizione vicentina: Martinazzi (chitarra e voce), Marco Pasetto (sax clarinetto e basso), Cesare Valbusa (batteria), Roberto Zecchinelli (basso) e Osvaldo Tagliani (tastiere, trombone e fiati).
La chiusura della sezione dedicata agli anni Sessanta di City Lights è stata affidata alla lettura di un testo di Bob Dylan, a cura di Piergiorgio Piccoli.

Press Edition New

Bassanonet.it Press Edition

Più visti

1

Elezioni 2024

19-06-2024

Ultime lettere di Elena Pavan

Visto 23.423 volte

2

Elezioni 2024

19-06-2024

Impegno per Roberto

Visto 22.218 volte

3

Elezioni 2024

18-06-2024

Press conference

Visto 21.216 volte

4

Elezioni 2024

21-06-2024

Facoltà di voto

Visto 17.695 volte

5

Elezioni 2024

20-06-2024

Big Bang

Visto 14.155 volte

6

Elezioni 2024

20-06-2024

Pontida degli Alpini

Visto 13.318 volte

7

Elezioni 2024

20-06-2024

Diritto di proprietà

Visto 12.909 volte

8

Attualità

21-06-2024

Uomini e Ospiti

Visto 8.980 volte

1

Elezioni 2024

02-06-2024

Tortelli d’Italia

Visto 45.651 volte

2

Elezioni 2024

31-05-2024

Promesso e non concesso

Visto 32.341 volte

3

Elezioni 2024

10-06-2024

Mezzo e Mezzo

Visto 31.691 volte

4

Elezioni 2024

12-06-2024

Per chi suona la campagna

Visto 30.833 volte

5

Elezioni 2024

03-06-2024

Chiedo Asilo

Visto 30.263 volte

6

Elezioni 2024

05-06-2024

Centrodestra Brenta

Visto 27.167 volte

7

Elezioni 2024

05-06-2024

O così o PD

Visto 24.839 volte

8

Elezioni 2024

15-06-2024

Tutti insieme apparentemente

Visto 24.760 volte

9

Elezioni 2024

17-06-2024

Tribuno del popolo

Visto 24.338 volte

10

Elezioni 2024

29-05-2024

Long Playing

Visto 24.162 volte