Canova
Canova

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Musica

Sulla Luna di Nick Drake

Domenica 13 marzo, Uglydogs ha portato a Marostica un concerto da tutto esaurito dedicato a Nick Drake. Sul palco Roberto Angelini e Rodrigo D'Erasmo

Pubblicato il 15-03-2022
Visto 3.620 volte

Canova

Domenica 13 marzo, l’associazione di promozione sociale Uglydogs per il suo rientro in piena attività dopo le restrizioni dovute alla pandemia ha ospitato nella Multisala “Don Bosco” di Marostica un evento musicale importante dedicato alla musica d’autore. Protagonisti sul palco Roberto Angelini e Rodrigo D’Erasmo, che hanno portato nella città degli scacchi una tappa del concerto e progetto intitolato Songs in a conversation, un omaggio appassionato dedicato al cantautore Nick Drake e alla sua opera realizzato nell’anniversario dei cinquant’anni dall’uscita del suo terzo e ultimo disco (Pink Moon, 1972).
Si tratta del loro secondo tributo, dopo Pong Moon-Sognando Nick Drake del 2005, indirizzato in musica e parole al musicista inglese morto nel 1974 a ventisei anni, diventato un disco uscito lo scorso 25 febbraio. Il progetto discografico contiene 11 tracce, alcune prodotte da John Wood, fonico e produttore storico di Drake, registrate nei Vada Recording Studios, poco distante dalla casa natale di Drake, altre messe a punto a Roma a cura di Daniele “Ilmafio” Tortora, con la partecipazione di Fabio Rondanini alla batteria, Gabriele Lazzarotti al basso e Andrea Pesce al pianoforte.
In sala si è registrato il tutto esaurito. Sullo schermo del palco che ha ospitato i due artisti, ha accolto il pubblico un fermo immagine della figura fragile realizzata in plastilina che riproduce una celebre fotografia di Drake; più tardi nel corso del concerto vi scorreranno alcuni frammenti del documentario diretto da Giorgio Testi per Sky Arte che dà il titolo al concerto. Songs in a conversation è appunto una narrazione composta in musica e parole che intende riproporre ai fan, o far conoscere a chi non l’avesse ancora scoperta, l’opera talentuosa, artistica e poetica di Drake; per i soci e simpatizzanti di Uglydogs l’appuntamento è stato preceduto da un’introduzione collocata all’interno della rassegna “Las Flaviadas”, a Villa Angaran San Giuseppe, in cui Enrico Grando ha proposto un ascolto collettivo della musica del cantautore inglese, lo scorso 9 marzo.

Rodrigo D'Erasmo e Roberto Angelini a Marostica (foto di Orazio Bao)

La passione e l’ammirazione per la musica di Drake sono testimoniate dai due protagonisti sul palco dalle parole ma soprattutto dalla cura nell’interpretazione dei suoi brani scelti. L’intento principale è stato quello di ricreare una sonorità anni ’70, ha dichiarato Angelini nel corso del concerto, cioè molto naturale, autentica e dai toni caldi, e la sua voce ha contribuito molto all’intento — come sempre, anche Rodrigo con il suo violino flies. Il fatto che non esistano registrazioni di esibizioni dal vivo di Drake, per motivi anche riferibili alla particolarità della sua musica, è da sempre un invito a nozze per i suoi appassionati, una sfida a ricreare quella che poteva essere stata una sua esecuzione, tenendo conto anche del fatto che ogni esecuzione grazie al talento musicale di Drake rappresentava un elemento originario, una gemma a sé. Rodrigo D’Erasmo, famoso violinista degli Afterhours, ma poi polistrumentista, compositore, arrangiatore e produttore, ha raccontato di avere conosciuto come tanti la musica di Drake facendo un percorso a ritroso, partendo da Pink Moon, che è la sua ultima opera. La scoperta di questo amore in comune è stata dichiarata forse un rigo meno poeticamente nel corso di una grigliata e ha dato il via a un lungo percorso di ricerca che ha portato a uno studio di tecniche e arpeggi complessi, come a un approfondimento sui testi pieni di profondità, di vette e di abissi, che ci ha lasciato il cantautore.
C’è spazio, giustamente, per una breve lezione per chitarristi tra una canzone e l’altra, con un ricordo grato a Vittorio Camardese (è stato il compagno della madre di Angelini) e anche per qualche risata: a tratti i toni si fanno scanzonati, è il caso di dirlo, perché trattare tanta sensibilità, tanto materiale da ali di farfalla non vuol dire necessariamente usare toni da sacrestia, ma mettere in giusta luce i chiaroscuri e la bellezza che anima la vena artistica di questi artisti fragili, molto colti e spesso schiacciati spalle al muro dal loro talento. Le canzoni e un brano strumentale del troppo breve repertorio di Drake si sono susseguiti reinterpretati con molta maestria, e rispetto, scelti in ordine cronologico, chitarra e violino dialoganti in armonia. Tra gli altri: Three Hours, Days Done, Way To Blu, Fruit Tree, brani tratti da Five Leaves Left (il titolo del primo album pubblicato nel 1969, ispirato da un dicitura sulle confezioni di cartine per sigarette), poi l’introduzione strumentale di Bryter Layter, il secondo album, e canzoni come Northern Sky; l’omaggio atteso a Pink Moon, con il brano omonimo, è arrivato nel finale, dopo Place to Be, Harvest Breed, l’inquietante Parasite e la serena From the Morning.
Nel corso della serata è intervenuto sul palco a sorpresa Mario, al secolo Mattia Mariuzzo, dei trevigiani Bengala Fire, band che ha fatto parte della squadra di Manuel Agnelli e D’Erasmo finalista all’edizione 2021 di X-Factor: elegantissimo nella sua aria un po’ punk ha dato voce con Angelini a due interpretazioni e fatto correre un vento di giovinezza lunare che è rimasto, immutato a mezzo secolo di distanza, la cifra dell’opera di Drake.
Lunghi applausi, dal pubblico presente in sala.

Più visti

1

Attualità

02-12-2022

Dynasty

Visto 6.390 volte

2

Musica

03-12-2022

Three Men Apart al Remondini

Visto 3.452 volte

3

Attualità

08-12-2022

Sturmtrippen

Visto 2.599 volte

4

Magazine

07-12-2022

Bassano che legge

Visto 2.166 volte

5

Calcio

04-12-2022

Bassano bum bum

Visto 2.089 volte

6

Attualità

09-12-2022

The Special One

Visto 1.072 volte

7

Calcio

08-12-2022

Vittoria fondamentale

Visto 816 volte

8

Politica

09-12-2022

Un pass avanti

Visto 224 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.369 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 9.180 volte

3

Politica

29-11-2022

Pietrosante non è un’opinione

Visto 8.252 volte

4

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.195 volte

5

Cronaca

29-11-2022

Coming Home

Visto 8.123 volte

6

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.641 volte

7

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.591 volte

8

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.490 volte

9

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.441 volte

10

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.389 volte