ELEZIONI
Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 17-09-2010 18:17
in Musei | Visto 3.980 volte
 

A.A.A., restauratori di auto d'epoca cercansi

Al Museo dell'Automobile “Bonfanti-Vimar” di Romano d'Ezzelino la scuola di restauro per auto e moto d'annata

A.A.A., restauratori di auto d'epoca cercansi

Giovani studenti attorno a una Marino Torpedo Sport del 1926

Le sale del Museo dell’Automobile “Bonfanti-VIMAR” di Romano d'Ezzelino si apriranno, da sabato prossimo, a quanti vorranno partecipare al nuovo “corso per restauratori di auto e moto d’epoca”.
Il percorso formativo, di 36 ore totali che si svolgerà per 5 sabati consecutivi, si terrà nella sede del “Bonfanti-VIMAR” nel contesto dell’attuale rassegna “Auto & Manifesti” che chiuderà il 10 ottobre. Una mostra che tra stile, eleganza e costume, propone un ventaglio di trenta vetture incredibilmente rare e preziose, contornate dai relativi manifesti, già allora strumento indispensabile di propaganda commerciale.
Com’è consuetudine i docenti - scelti tra persone che operano nel settore del motorismo d’epoca e che vantano esperienze e conoscenze pluriennali - saranno presentati agli allievi all’apertura del corso dal presidente della Fondazione Museo dell’Automobile “Bonfanti-VIMAR”, Nino Balestra.
Il presidente del Museo illustrerà a quanti si affacciano al mondo di restauro le regole fondamentali di un corretto approccio a questa tecnica laboriosa.
I docenti spiegheranno poi nel dettaglio le nozioni di base della meccanica nelle sue varie parti e la valutazione del tipo di intervento di restauro più opportuno secondo i casi, passando quindi all’esame di parti staccate con spiegazioni più dettagliate.
Seguiranno lezioni dedicate al restauro della carrozzeria, alla pianificazione della sua procedura, alle ricerche comparative e ai concetti di lamierista o lastratore, verniciatore, ebanista e tappezziere. Dal punto di vista pratico si esamineranno vari esempi anche su auto esposte al Museo.
Il corso si concluderà con una lezione dove si parlerà degli accessori, del loro ripristino e/o ricostruzione, della nichelatura e cromatura.
Insomma, al “Bonfanti-VIMAR”, spazi aperti per storia, cultura e lavoro inerenti il mondo del restauro motoristico: un’attività che nel suo complesso coinvolge quasi un milione e mezzo di persone solo in Italia.