Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Pubblicato il 16-02-2020 18:05
in Calcio | Visto 558 volte

Ora incomincia il bello

I giallorossi piegano il Sarcedo e allungano sullo Schio. Entriamo nella fase clou del torneo.

Ora incomincia il bello

Gloria anche per il rientrante Michelon. Il portiere neutralizza un rigore nel secondo tempo

Continua la marcia in vetta della formazione di Bassano del Grappa. La tappa di Sarcedo è un crocevia importante perché in contemporanea lo Schio ospita al Da Rigo il temibile Cornedo. Nel mentre i ragazzi di Maino si liberano già nel primo tempo dell'ultima della classe (a segno Alberti, Gallonetto e Giulio Bizzotto), lo Schio trova il pareggio su rigore nell'ultimo minuto di recupero. La debacle scledense non è completa al 100%, tuttavia la compagine del presidentissimo Campagnolo si issa ad un lusinghiero +6. Ad otto giornate dal termine e dopo otto vittorie consecutive il Bassano si è messo, tirandosi fuori dalla melma nella quale si era invischiato, in una posizione privilegiata per vincere il secondo campionato consecutivo. A patto però di difendere con le unghie e con i denti un margine di vantaggio che non mette al riparo da spiacevoli sorprese, lo si è già visto nel girone d'andata. Ma proprio l'esperienza maturata dovrà essere il carburante ideale per impedire a chiunque di staccare la spina cullandosi sul vantaggio. Rifacendosi a quanto accadde un girone fa si può sottolineare quanto scorbutico può essere il Trissino, ospite domenica al Mercante, allora capace di inchiodare i giallorossi sul pareggio creando le prime crepe che portarono gli scledensi a laurearsi campioni d'inverno. L'attuale gruppo, dopo la rivoluzione di dicembre, sembra fatto di un'altra pasta, un altro carattere e dotato di un altro spirito di squadra. Staremo a vedere.

    Più visti