Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 16-09-2011 21:01
in Attualità | Visto 2.275 volte

“Il vostro è il Paese della bellezza”

A tu per tu con due mostri sacri della fotografia mondiale. Incontro ravvicinato a “Bassano Fotografia” con Harry De Zitter e Douglas Kirkland

“Il vostro è il Paese della bellezza”

Da sin.: Harry De Zitter e Douglas Kirkland. "L'immaginazione è la cosa che ci fa sentire speciali" (foto Alessandro Tich)

Lo confesso: scattare una foto a Harry De Zitter e Douglas Kirkland con la mia piccola Olympus digitale mi mette un po' in soggezione, e mi fa l'effetto del confronto ravvicinato fra una Prinz e un Ferrari Testarossa.
Perché questi due signori, in fatto di fotografia, hanno scritto pagine di storia, con un curriculum che definire prestigioso appare persino riduttivo.
Il primo è uno dei maestri riconosciuti e pluripremiati della “fotografia di strada” ed è tra gli artisti maggiormente richiesti al mondo nel campo della fotografia pubblicitaria.
Il secondo è - detto in una parola - “il” fotografo delle star, che ha immortalato in cinquant'anni di carriera con scatti leggendari esposti nelle mostre di tutto il mondo:
da Marylin Monroe a Charlie Chaplin, da Andy Warhol a Elizabeth Taylor e da Brigitte Bardot a John Lennon. Tra le varie e numerose cose, ha fotografato i divi sui set di oltre 150 film (tra cui “2001 Odissea nello Spazio” e “Titanic”) e documentato il making of di "Thriller”, il celeberrimo video di Michael Jackson.
I due mostri sacri della fotografia mondiale, a margine della conferenza stampa di presentazione di “Bassano Fotografia” al Museo Civico, accettano volentieri di farsi immortalare per l'occasione: ben sapendo che per un vero fotografo la cosa più difficile è proprio farsi fotografare.
Poco importa se la foto viene fatta con una macchinetta: lo stesso Kirkland ammette di scattare molte immagini, soprattutto alla moglie Françoise (“l'ho conosciuta 45 anni fa a Parigi mentre stavo lavorando con Audrey Hepburn”), con il suo telefonino.
E tiene comunque imbracciata la sua inseparabile macchina fotografica: e sia lui che l'illustre collega, in queste ore di soggiorno bassanese, hanno dedicato diversi clic alla nostra città. Non una novità per De Zitter, che in mostra espone - fra le altre opere - una originale angolatura sul Ponte di Bassano e una seconda veduta bassanese, colta da una prospettiva del tutto insolita.
“L'immaginazione - afferma Kirkland parlando coi giornalisti - è la cosa che ci fa sentire speciali, ci rende più forti e migliori.” “Sono attratto dalla bellezza di una donna - continua il fotografo che ha ritratto, tra le altre, Nicole Kidman, Catherine Deneuve e Kim Basinger -. Voi, in Italia, la bellezza la capite, la vivete. Le donne sono molto curate, hanno la bellezza insita in loro.”
“La fotografia - ci dice De Zitter - è riempire una cornice. La cornice della mia macchina fotografica è una finestra sul mondo. Una foto è bella oggi come lo era cento anni fa. La tecnologia oggi rende le cose molto più immediate. Si lavora più velocemente ma, alla fine di tutto, un grande fotografo è un grande fotografo. La cosa più importante è ancora e sempre l'occhio.”
In quanto alla città che li ospita, i due sono concordi: Bassano del Grappa è molto fotogenica. “E' superba”, affermano. “Per me - aggiunge Kirkland - Bassano vuol dire Manfrotto. Ho fotografato sui set di oltre 150 film, e in ogni film la troupe utilizzava qualche attrezzatura di Manfrotto.” Della serie: dobbiamo sempre sapere dagli altri delle eccellenze della nostra città.
Stesso discorso per la nostra bastonatissima Italia: sono sempre gli altri, che arrivano da fuori, a ricordarci la bellezza dei luoghi in cui viviamo.
“Il vostro - dichiara De Zitter - è il Paese di Dio. Dal punto di vista visivo, intendo.”
Precisazione finale quanto mai azzeccata.

Più visti