Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 01-08-2020 16:10
in Politica | Visto 1.463 volte

Beni immobili

Attacco delle minoranze sull'immobilismo della giunta comunale nel campo delle opere pubbliche: “L'amministrazione Pavan sta perdendo 10 milioni di euro di finanziamenti dopo un anno di soli annunci”

Beni immobili

Il cantiere interrotto del Polo Museale Santa Chiara, nuovo simbolo della città di Bassano (foto Alessandro Tich)

Oggi è il primo agosto. Entriamo nel cuore dell'estate, il pensiero collettivo si rivolge ormai al Ferragosto e anche a Bassano l'atmosfera è sempre più balneare, anche se c'è ancora moltissima gente in giro. Nei bar non si fa altro che parlare del caldo, i negozi propongono i soliti e immutabili saldi estivi, se non ci fosse Operaestate la città sarebbe un mortorio e soprattutto - notizia ferale per tutti noi - da oggi il parcheggio “Le Piazze”, dopo due mesi di baldoria gratuita, è tornato a pagamento. Ahimè che tristezza.
Per fortuna che ad animare lo spirito della nostra convivenza urbana ci sono le meravigliose notizie che arrivano dal Palazzo del Comune, di cui il consiglio comunale di giovedì scorso è stata solo una delle tante pagine del poco avvincente romanzo amministrativo che racconta Bassano del Grappa al resto del mondo. Si aggiunge oggi, ennesima giornata di calore estivo, un comunicato stampa al calor bianco delle minoranze, dedicato al tema delle opere pubbliche e dell'immobilismo in tal senso dell'amministrazione comunale, che abbiamo ricevuto in redazione e che pubblichiamo di seguito:

COMUNICATO

L’Amministrazione Pavan sta perdendo 10.000.000 di euro di finanziamenti per opere pubbliche dopo oltre un anno di soli annunci.

L’Amministrazione Pavan nel 2019 si presentò agli elettori all’insegna del cambiamento promettendo faraoniche opere pubbliche e immediato completamento di quelle già avviate. Nonostante l’importante consenso ottenuto alle elezioni, con il passare dei mesi si è invece scoperta un’amministrazione litigiosa, con poche idee, senza una guida politica autorevole al netto della retorica imposta dalla Lega di Bassano.

È incomprensibile come in presenza di tutte le condizioni politiche favorevoli, con la Provincia e la Regione dello stesso colore politico, l’amministrazione comunale dell’ottavo Comune del Veneto a guida leghista non riesca a portare avanti alcun progetto.

Sono di queste ore le notizie apprese in Consiglio Comunale e riportate dai media locali che l’amministrazione comunale di Bassano starebbe per perdere 5.600.000 euro di finanziamento da parte di Fondazione Cariverona per il completamento del Polo Museale Santa Chiara e vorrebbe rinunciare a 4.300.000 euro di finanziamento statale per la nuova Scuola Canova.

Al di là delle giustificazioni di circostanza, emerge sempre di più l’incapacità di gestire iter amministrativi complessi da parte del Sindaco e degli Assessori competenti.

Il ruolo politico di indirizzo e mediazione che dovrebbe essere in costruttivo contraddittorio tra giunta e funzionari non si percepisce in alcun modo, anzi a volte gli Assessori sono più “realisti del re” e l’amministrazione della nostra Città sembra giorno dopo giorno sempre di più decisa esclusivamente da alcuni funzionari e non dagli amministratori eletti dai cittadini.

È finito il tempo degli alibi: le passate amministrazioni, il Covid-19, il bilancio vincolato, lo Stato centrale, le minoranze che non collaborano (vedasi votazioni del consiglio di giovedì sera…).

Questa amministrazione nel 2020 ha maggiori risorse e procedure semplificate rispetto a quelle degli ultimi dieci anni ma non si vedono però dopo oltre un anno di mandato, come invece in altri Comuni di tutti i colori politici, percorsi amministrativi concretamente avviati, progetti e nuove opere in cantiere.

Siamo preoccupati per questo immobilismo dell’azione amministrativa che, conoscendo i tempi e la complessità delle procedure comunali, rischia di vedere la situazione peggiorare ulteriormente nei prossimi anni consegnando Bassano ad una fase di immobilismo senza precedenti.

I consiglieri comunali

Angelo Vernillo, Riccardo Poletto, Anna Taras (Bassano Passione Comune), Paola Bertoncello, Chiara Campana (Partito Democratico), Oscar Mazzocchin (Bassano per Tutti), Roberto Campagnolo, Giovanni Cunico (Italia Viva).

LIBERTÀ E' PAROLA - #civediamoasettembre

#LIBERIDIRACCONTARCI non è solo un titolo, ma una presa di posizione che come Libertà è Parola abbiamo voluto portare avanti, anche durante mesi...

Più visti