ELEZIONI
Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 24-11-2015 20:20
in Attualità | Visto 1.738 volte
 

Colpo di teatro

I promotori del Marchio d’Area Territori del Brenta incontrano domani la stampa a Bassano per rilanciare il progetto del Tavolo di Marketing Territoriale. L’incontro si terrà al Teatro Astra, “eccezionalmente concesso per l'occasione”

Colpo di teatro

Foto: archivio Bassanonet

“Riapre il Teatro Astra!” E’ il volutamente provocatorio invito alla stampa dei promotori del Marchio d’Area Territori del Brenta, che domani mattina incontreranno gli organi di informazione locali - come annuncia un comunicato trasmesso in redazione - “in un luogo simbolo per il territorio: il Teatro Astra, da troppi anni assente nella vita di noi bassanesi”.
La conferenza stampa si terrà “nel foyer dello storico edificio, eccezionalmente concesso per l'occasione”. Nell’occasione “sarà sostenuta la necessità di avviare al più presto il Tavolo Marketing Territoriale.”
Come noto, l’acquisizione del Teatro Astra è una delle ipotesi volute dall’attuale Amministrazione comunale per la nuova destinazione del contributo di Fondazione Cariverona originariamente destinato alla realizzazione del primo stralcio del Polo Museale Santa Chiara.
Polo Museale che - in quanto parte integrante dell’“Asse dei Musei”, che rappresenta uno dei fulcri del progetto per il Marchio d’Area - annovera tra i suoi maggiori sostenitori proprio i promotori di Territori del Brenta, uno dei quali, l’architetto Massimo Valotto, è anche il presidente del Museo dell’Automobile Bonfanti-Vimar, futuro inquilino del Santa Chiara qualora il complesso museale venisse realizzato.
Ma l’incontro all’Astra con la stampa, a quanto pare, intende volare più in alto rispetto alla ormai abusata contrapposizione “Polo Museale vs Teatro”.
“Si tratta di attivare - precisa infatti il comunicato - quell'indispensabile coordinamento sovracomunale delle strategie volte ad elevare e mettere in rete l'attrattività della Pedemontana del Brenta. E' la visione del territorio come unica area policentrica particolarmente ricca di opportunità sul piano culturale e turistico, dimensione che oggi non può più fare a meno di essere competitiva e guardare con ambizione al mercato internazionale.”
“Territori del Brenta - prosegue la nota - vuole dare connessione, attualità, identità e incisività nella comunicazione e promozione della rete dei nostri centri e loro dintorni, al rapporto con il fiume e le colline.
Si tratta, in poche parole, di avviare nel medio termine il modello di sviluppo di Turismo Sostenibile indicato nelle linee guida comunitarie e già adottato dalla Legge Regionale 11 del 2013.”
“Avviata oramai tre anni fa dalla nostra associazione culturale - aggiungono i promotori del Tavolo di Marketing Territoriale -, questa fase del processo di emancipazione potrà verosimilmente essere illustrata e condivisa con la cittadinanza grazie all'evento “Progetti in Piazza 2”: la mostra vuole presentare un quadro d'insieme dei progetti in via di definizione con la pubblica amministrazione.”
“Uno scenario quindi - concludono - di approccio partecipato sulle vitali scelte di quanto costituirà un'importante svolta per il futuro di tutti gli abitanti dei Territori del Brenta.”