Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 02-02-2015 20:19
in Cronaca | Visto 2.909 volte
 

Fallisce l’assalto al bancomat, rientra l'allarme

Fallito assalto esplosivo nella notte al bancomat del BCC Credito Trevigiano di Quartiere Firenze a Bassano. E' allarme per l'eventuale presenza di gas o esplosivi nello sportello. Intervengono da Padova gli artificieri, esito negativo

Fallisce l’assalto al bancomat, rientra l'allarme

Artificieri, carabinieri e vigili del fuoco all'apertura della porta scassinata, di fianco al bancomat (foto Alessandro Tich)

Volevano far esplodere il bancomat per arraffare i soldi contenuti.
Ma qualcosa non ha funzionato, costringendoli ad abbandonare la scena del crimine.
All’1.40 della scorsa notte ignoti - tre o quattro individui, secondo quanto ripreso dalla telecamera di sorveglianza - hanno preso di mira la filiale di Bassano del Grappa della Banca di Credito Cooperativo Credito Trevigiano di viale Toscana 11, in Quartiere Firenze. Hanno scardinato la porta di ingresso dell’istituto di credito senza però riuscire a sfondarla: il sistema di sicurezza ha tenuto e, pur senza far scattare l’allarme, la porta è rimasta bloccata. Prima di fuggire a bordo di un’auto non specificata, i malviventi hanno forzato con un piede di porco la bocchetta del bancomat da cui escono le banconote.
Questa mattina alle 8, alla riapertura della sede bancaria, il direttore della filiale Alessandro Perli e gli altri dipendenti si sono accorti della porta bloccata e dei segni della visita notturna.
Hanno subito segnalato l’accaduto all’ufficio tecnico dell’istituto di credito e al 112 dei Carabinieri. Gli operatori dell’ufficio tecnico, dopo aver visionato le immagini della videocamera di sorveglianza, hanno confermato l’intrusione notturna e hanno intimato ai dipendenti della filiale di allontanarsi.
Una disposizione motivata dal timore che i malviventi - attraverso la bocchetta del bancomat forzata - avessero caricato del gas o collocato dell’esplosivo, rimasto inesploso, all’interno dello sportello.
A seguito dell’allarme, per motivi precauzionali, il lato ovest di viale Toscana è stato chiuso al traffico e l’area della banca delimitata.
Accorsi sul posto i Carabinieri della Compagnia di Bassano del Grappa, col comandante cap. Mario Rocco, e del Nucleo Operativo Radiomobile del Comando Provinciale di Vicenza; una squadra dei Vigili del Fuoco e la Polizia Locale che ha deviato la circolazione.
Alle 11.45, chiamati appositamente, sono sopraggiunti due artificieri del Reparto Operativo dei Carabinieri di Padova per verificare l’eventuale presenza di materiale esplosivo all’interno del bancomat.
A mezzogiorno i Vigili del Fuoco - dopo aver preventivamente sondato dall’esterno l’eventuale presenza di gas nel vano d’ingresso della banca - hanno aperto finalmente la porta per consentire il sopralluogo degli artificieri.Si è dovuto attendere però mezz’ora prima che i medesimi potessero entrare in azione: l’apertura della cassa è infatti temporizzata. Alle 12.37 è stato dichiarato il cessato allarme: gli specialisti hanno rilevato che fortunatamente non vi era alcuna traccia di gas o di esplosivo e che i soldi erano tutti al loro posto. Risolta l’emergenza e ripristinata la sicurezza: ora è caccia ai banditi.