Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore Responsabile
Bassanonet.it

Attualità

Canova Supernova

Oltre 81.000 visitatori alla mostra di Canova, conclusasi domenica. A Bassano dal 15 ottobre 2022 al 12 marzo 2023 è esplosa una stella

Pubblicato il 16-03-2023
Visto 10.656 volte

Pubblicità

Elena Donazzan

La supernova, come ci insegna la professoressa Wikipedia, è una stella che esplode.
Qualcosa che per fortuna accade a distanze intergalattiche dal nostro bel pianetino, ma comunque accade. È un’esplosione cosmica di energia e di luminosità, che rappresenta anche l’ultimo atto della vita della stella.
Ne scrivo per la suggestione che mi ha colto scattando la fotografia che vedete qui sotto pubblicata e che ripubblico anche in calce all’articolo per farvela vedere meglio, cliccandoci sopra, nella sua totalità.

Foto Alessandro Tich

È una foto della Danzatrice col dito al mento, una delle varie Miss Universo della mostra “Io, Canova. Genio Europeo”, al Museo Civico di Bassano, conclusasi domenica scorsa.
L’ho fotografata dal basso, inginocchiandomi, e i sovrastanti raggi del riflettore di sala che fendono lo spazio nella parte sinistra dell’inquadratura sprigionandosi dal nucleo luminoso producono l’effetto di un sole deflagrante.
Non era mia intenzione cercare questo effetto, la foto è venuta così. Ne è risultata un’immagine emblematica di Canova Supernova: la stella che dal 15 ottobre 2022 al 12 marzo 2023 è esplosa a Bassano del Grappa.

Dunque, domenica scorsa alle ore 23 si è chiusa la mostra del Bicentenario Canoviano nella nostra città. Con oltre 81.000 biglietti staccati. 81.439 visitatori, per la precisione.
Ciò significa che negli ultimi quattro giorni di apertura, compresi i Tre Giorni del Condor da venerdì a domenica con apertura serale straordinaria fino alle 23, hanno varcato l’ingresso dell’esposizione 10.936 persone. Quasi commovente, pensando al recente periodo in cui solo un gruppetto di esseri umani a poca distanza l’uno dall’altro era considerato un assembramento. Soprattutto rinfrancante, ricordando quanto la realizzazione di questo progetto abbia rappresentato una scommessa secca, di quelle che o si vincono o si perdono, per vari motivi collegati ai tempi correnti.
Primo fra tutti il conflitto tra Russia e Ucraina che ha congelato l’arrivo a Bassano del marmo della Pace di Kiev e delle altre statue già concesse in prestito - ma poi bloccate a seguito della crisi diplomatica tra Russia e Occidente - dall’Ermitage di San Pietroburgo.
Un vulnus (ogni tanto lo scrivo perché fa figo) superato dall’organizzazione col concepimento di una mostra “reinventata”, ristrutturata nel racconto espositivo, rimodulata nella narrazione esterna, corroborata dal ricco programma delle visite guidate e dei laboratori didattici, valorizzata dagli effetti visivi di un felicissimo allestimento firmato da Ravalli Architetti.
Alla fine, che mancassero le opere di San Pietroburgo e di Kiev non se ne è accorto nessuno. E l’unico putin, ma con la p minuscola e con l’accento sulla i, è stato il San Giovannino: il marmo del santo bambino che siede su un vello di agnello, tra i massimi virtuosismi dello scalpello canoviano.

Alle 23 di domenica la direttrice Barbara Guidi - al termine di un tour de force sicuramente estenuante e alla vigilia dei giorni campali del disallestimento della mostra - ha stappato una bottiglia di spumante in sala Chilesotti, attorniata dal sindaco Elena Pavan, dall’assessore Giovannella Cabion, da Mario Guderzo che assieme a Giuseppe Pavanello ha curato l’evento espositivo e da una nutrita rappresentanza dello staff dei Musei Civici.
Ritornando alla suggestione iniziale, è stato un brindisi alle bollicine che avrebbe potuto essere idealmente accompagnato dalle note di Champagne Supernova, celebre canzone degli Oasis. Ma è stata anche una bella dimostrazione di coesione di squadra.
La mostra, fortemente voluta dall'amministrazione comunale e in primis dal sindaco, è stata realizzata grazie al fondamentale apporto di Villaggio Globale International.
Ma l’organizzazione stessa e la complessa macchina della gestione quotidiana di un evento di tale portata, quella che non compare sui giornali, hanno poggiato principalmente sulle risorse interne degli uffici museali.
Al cin-cin di fine evento in sala Chilesotti io non c’ero perché ero all’estero ma avrei voluto esserci. Con 20 articoli ad oggi dedicati a “Io, Canova. Genio Europeo”, a cominciare dall’indimenticabile conferenza stampa nazionale di Roma, quella in cui Vittorio Sgarbi mi chiamava Tic, e con tutte le volte che per lavoro e non solo mi sono trovato a girare tra le Miss e anche i Mister Universo di marmo o di gesso come l’Endimione dormiente o il Perseo trionfante, questa mostra l’ho sentita come “mia”.

A quanto pare non sono stato l’unico, visto il successo non solo di pubblico ma anche di critica e di copertura mediatica nazionale che la mostra bassanese ha saputo conquistare.
Il richiamo di stampa e tv, ma anche gli apprezzamenti degli addetti ai lavori, sono stati favoriti dal racconto inedito della figura di Antonio Canova. Per la prima volta sono stati presentati, in modo organico, i diversi volti del genio di Possagno, collegati alla sua straordinaria carriera artistica e allo stesso momento paralleli ad essa.
Lo studioso di arte antica, il collezionista, l’imprenditore, il diplomatico, l’interlocutore dei potenti del suo tempo, il suo ruolo nell’Europa dell’epoca, il suo rapporto diretto con Napoleone e coi nemici di Napoleone, il cultore e il protettore delle arti. Ovvero le varie galassie che circondano la Supernova.
È la stella che è esplosa sul cielo di Bassano, come quell’ideale sole deflagrante che sprigiona i suoi raggi sopra la Danzatrice col dito al mento.
Il problema, per la cultura a Bassano, è adesso quello di non farsi travolgere dalle radiazioni cosmiche canoviane col rischio di creare un buco nero di progetti e di proposte dopo un’esplosione di energia e di luminosità così potente.
Ma non sarà così. Già il prossimo 22 marzo è infatti in programma la conferenza stampa di presentazione della programmazione 2023-2024 dei Musei Civici di Bassano del Grappa.
Qui Astronomical Unit di Santa Barbara, a voi la linea.

Pubblicità

Andrea ZontaRoberto Marin SindacoNicola Ignazio FincoRoberto Campagnolo SindacoElena Pavan

Più visti

1

Elezioni 2024

15-05-2024

Che la Forza sia con te

Visto 23.679 volte

2

Elezioni 2024

15-05-2024

Wolfgang Amadeus Marin

Visto 18.248 volte

3

Elezioni 2024

15-05-2024

Euronulla

Visto 17.398 volte

4

Elezioni 2024

16-05-2024

Gigi ed Eva

Visto 14.511 volte

5

Elezioni 2024

17-05-2024

Concerto di Liga

Visto 12.329 volte

6

Elezioni 2024

19-05-2024

Fincantieri

Visto 9.985 volte

7

Elezioni 2024

18-05-2024

Grandi MagazZeni

Visto 9.976 volte

8

Attualità

16-05-2024

80 voglia di Ciliegie

Visto 9.318 volte

9

Attualità

17-05-2024

Grappa di Rosa

Visto 8.859 volte

10

Elezioni 2024

20-05-2024

Sul Conte di Bassano

Visto 6.020 volte

1

Elezioni 2024

15-05-2024

Che la Forza sia con te

Visto 23.679 volte

2

Elezioni 2024

14-05-2024

Ruggeri-Morandi-Tozzi-Pasinato

Visto 20.554 volte

3

Elezioni 2024

09-05-2024

Buena Vida Social Club

Visto 18.655 volte

4

Attualità

07-05-2024

Desert Storm

Visto 18.504 volte

5

Elezioni 2024

12-05-2024

Liegi-Cabion-Liegi

Visto 18.450 volte

6

Elezioni 2024

15-05-2024

Wolfgang Amadeus Marin

Visto 18.248 volte

7

Elezioni 2024

10-05-2024

Voci di corridoio

Visto 17.997 volte

8

Elezioni 2024

11-05-2024

L’Adunata dei Piddini

Visto 17.880 volte

9

Elezioni 2024

11-05-2024

DC-Nove

Visto 17.781 volte

10

Elezioni 2024

13-05-2024

Ciao Tosi

Visto 17.738 volte