Redazione
bassanonet.it
Pubblicato il 17-01-2014 16:58
in Attualità | Visto 1.393 volte
 

Rosà, sabato 18 le premiazioni per il Santo Patrono

Oggi ricorre la festività di Sant’Antonio Abate e l’Amministrazione comunale di Rosà celebrerà il suo Santo Patrono, come da tradizione, in due momenti distinti entrambi programmati per domani sabato 18 gennaio.
Alle ore 18.00, nella Sala consiliare del Municipio, il presidente Natale Zonta ha convocato il Consiglio comunale in seduta straordinaria per assegnare, con un’apposita delibera, il premio “Città di Rosà” 2014 e, su segnalazione delle categorie economiche, i premi “Rosà che lavora” 2014.
La Commissione cultura ed i capigruppo in Consiglio comunale hanno convenuto di assegnare per l’anno 2014 il premio Città di Rosà ad Eugenio Gasparotto - protagonista dell'associazionismo locale, mutilato nel 1943 dallo scoppio di una bomba - “per la serenità e l’attaccamento alla vita che lo hanno sempre contraddistinto nonostante il violento incidente che nel 1943 ha cambiato la sua esistenza.”
Per “Rosà che lavora” saranno invece premiate le ditte EGAP srl unipersonale (Ass. Industriali - escavazione e trasporto ghiaia e sabbia), Pietro Tosin (Coltivatori Diretti), Falegnameria Bizzotto Ilario (Artigiani - produzione e riparazione di mobili antichi) e Zonta Francesca (Commercianti - abbigliamento e merceria).
Un riconoscimento verrà quest’anno dato anche al rosatese Pietro Parolin, classe 1977, vincitore nel 2012 del Bando della Regione Veneto “analisi, studio e diffusione di opere culturali e multimediali giovanili” grazie al quale ha potuto girare nel territorio bassanese il suo primo lungometraggio dal titolo “Leoni”, in distribuzione da Rai Cinema.
Alle ore 21.15, nel vicino Duomo, verrà offerto alla cittadinanza il concerto di Sant’Antonio Abate con gli Archi dell’Orchestra Sinfonica “Città di Grosseto” diretta da Laura Bianchi.