Redazione
bassanonet.it
Pubblicato il 04-12-2013 16:27
in Attualità | Visto 1.854 volte
 

Tares, incombe la seconda rata

Il Comune di Bassano ricorda la scadenza del 16 dicembre, con una nota che giustifica anche “l'aumento significativo del prelievo tributario” per alcune tipologie di attività economiche

Tares, incombe la seconda rata

Foto: archivio Bassanonet

A Bassano del Grappa si avvicina la scadenza per il pagamento della seconda rata della Tares, il discusso Tributo comunale sui rifiuti e servizi.
Lo ricorda un comunicato stampa trasmesso in redazione dal Comune di Bassano, che pubblichiamo di seguito:

COMUNICATO

SCADENZA TARES 2013

Scade il prossimo 16 dicembre il termine per il pagamento della seconda rata del Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES).
Gli avvisi di pagamento per il Tares di Bassano del Grappa sono quelli inviati dal Comune nel corso dei mesi di settembre-ottobre e contenevano i due modelli F24 per il pagamento sia dell’acconto sia del saldo.
Con l’avvento del nuovo tributo è stato ridistribuito, fra tutte le utenze, il costo che il Comune di Bassano del Grappa sostiene per garantire il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento rifiuti, oltre allo spazzamento strade e piazze.
La redistribuzione, come decisa dall’Amministrazione sulla base di valide proiezioni e stime, ha comportato, per alcune utenze, un importo di tributo inferiore rispetto alla Tarsu 2012, quali ad esempio le famiglie con 1 e 2 (in alcuni casi anche per 3) componenti il nucleo familiare, le aziende industriali e artigianali che costituiscono il tessuto produttivo del territorio.
Altre categorie, quali ortofrutta e ristoranti, hanno avuto un aumento significativo del prelievo tributario, determinato sulla base di coefficienti ministeriali stabiliti per legge, anche in ragione della tipologia del rifiuto prodotto. Con il nuovo tributo deve essere assicurata la copertura integrale del costo del servizio e ciò ha comportato che parte del costo che gli scorsi anni gravava sul bilancio comunale, quest’anno debba essere coperta con il tributo. Per effetto della redistribuzione fra categorie, in base alla potenzialità di produzione del rifiuto e non più solo in base ai metri quadrati, qualcuno paga di più e qualcuno paga di meno rispetto al 2012.
Con il saldo si paga anche la maggiorazione pari a 0,30€/mq che era stata inizialmente prevista a copertura dei servizi indivisibili quali ad esempio la pubblica illuminazione. Per l’anno 2013 tale maggiorazione, già inclusa nel modello F24 invitato, viene versata interamente allo Stato con il codice tributo 3955.
Si precisa che per il Comune di Bassano del Grappa, Etra spa effettua il servizio di raccolta e smaltimento ma non invia i moduli per il pagamento del tributo.