Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 14-09-2012 11:07
in Attualità | Visto 2.303 volte
 

Lo spreco di Bassano secondo Severino

Taglio dei tribunali: il ministro risponde in audizione alla Commissione Giustizia della Camera. Sui nuovi Tribunali di Bassano del Grappa, Chiavari e Tolmezzo: “Inutile dispendio di risorse, bastavano quelli già esistenti”

Lo spreco di Bassano secondo Severino

Il ministro della Giustizia Paola Severino

La chiusura del Tribunale di Bassano del Grappa, assieme a quello di Chiavari in Liguria, non è uno spreco di denaro. Anche se in queste due città stanno per essere inaugurati due nuovi palazzi di giustizia, costati complessivamente allo Stato e quindi ai cittadini la bellezza di 26 milioni di euro.
Anzi: lo spreco c'è stato, ma è stato compiuto da chi ha deciso di costruire queste nuove sedi che ora - dopo l'emanazione del Decreto legislativo sulla revisione della geografia giudiziaria che cancella 31 Tribunali e relative Procure - diventeranno delle grandi cattedrali del nulla.
E' questo il pensiero del ministro della Giustizia Paola Severino, espresso ieri in audizione alla Commissione Giustizia della Camera, in risposta agli interrogativi dei deputati che sollevando i casi dei Tribunali di Chiavari, Bassano del Grappa e Tolmezzo hanno chiesto al guardasigilli se non si tratti di uno spreco di denaro pubblico.
“Mi chiedo perché il denaro è stato speso in quel modo per la costruzione di nuovi tribunali” - ha risposto Severino, secondo quanto riportato dalle agenzie.
“Non voglio essere polemica - ha ancora detto il ministro -. Ma sono andata a vedere quei tribunali e mi sono chiesta perché sono stati costruiti con quel dispendio di risorse, dal momento che i numeri dicevano che erano sufficienti i tribunali già esistenti.”
Il guardasigilli ha inoltre ricordato che nei criteri di scelta sui tagli ha prevalso anche la considerazione delle aree metropolitane (Roma, Milano, Palermo, Napoli e Torino), la salvaguardia di tutti i tribunali provinciali e la considerazione che quelli esistenti devono operare su un bacino di utenza di almeno 200 mila abitanti.
Pubblicato da parsifal il 14 set 2012 11:33 | Segnala abuso
Il ministro è in carica da pochi mesi ed ha capito tutto. Ma non ha fornito numeri. Dove stà il risparmio generato dalla chiusura del tribunale? Numeri, non chiacchiere.
Pubblicato da stefano61 il 14 set 2012 12:00 | Segnala abuso
Non ha tutti i torti il Ministro e infatti chiedo: che ragione c'era di spendere 12 milioni per costruire una "Cittadella della giustizia" in pieno centro storico (con relativi costi spropositati) quando si potevano utilizzare spazi esistenti e già disponibili tipo quelli in Via Cristoforo Colombo? Più verosimilmente la nuova "Cittadella della giustizia" doveva essere la massima espressione di autoincensamento della casta forense cittadina... ovviamente pagata dai contribuenti.
Pubblicato da andrea70 il 14 set 2012 12:03 | Segnala abuso
Parsifal il ministro Severino ha pienamente ragione. Il vecchio tribunale era più che sufficiente e non si riesce a capire con quale criterio siano stati spesi oltre 12 milioni di euro per costruire una cattedrale di cemente armato a due passi da piazza Libertà. Inoltre i tempi della giustizia di Bassano non sono poi così rosei: ci sono sentenze di cause civili ordinarie che superano i 6-7 anni. Caro Parsifal Bassano non è poi così l'isola felice che ci è stata dipinta dal presidente dell'ordine degli avvocati e questo i cittadini comuni e gli imprendidori lo sanno bene!
Pubblicato da rossi il 14 set 2012 12:20 | Segnala abuso
La chiusura del tribunale dimostra ancora una volta quanto poco contino le figure del sindaco Cimatti e del suo amico on. Casini. A tre anni dall’elezione di questa giunta nessun risultato tangibile per la città ma tanti danni. La gente di Bassano non ne può più.
Pubblicato da parsifal il 14 set 2012 12:31 | Segnala abuso
Chi ha mai detto che sia un'isola felice. Sicuramente però la conseguenza del taglio sarà un peggioramento abissale per i cittadini. Attualmente il nuovo tribunale di Vicenza è sottodimensionato per il territorio di competenza. La severino ci faccia vedere i numeri e poi potremmo anche discutere.
Pubblicato da bikerstef il 14 set 2012 13:54 | Segnala abuso
anche ammesso che non ci fosse stato il bisogno di un nuovo palazzo di giustizia mi chiedo perchè fare il secondo errore di non utilizzarlo più.. oramai c'è e indietro non si torna...
Pubblicato da nikkios il 14 set 2012 14:51 | Segnala abuso
Un po' alla volta sta cadendo l'intero castello di menzogne. Prima se ne è andata la cittadinanza, che di fatto non ha mai partecipato ed ora ci si attacca ai numeri che non vogliamo vedere, ma che sono alla portata di tutti. Il nuovo tribunale ( incompleto e privo del carcere e pertanto soggetto ad ulteriori costi oltre i 12 stanziati) non doveva nemmeno essere costruito, per il sol fatto che a 35Km di distanza si sono spesi ben 40 milioni di euro per un'analoga struttura avviata nel 2004 e che è in consegna a breve www.vicenzaforumcenter.it/progetti/pagina127.html . Visto che si parla di organigramma della giustizia, se dovessimo applicare lo stesso criterio costruttivo di Bassano/Vicenza, quanti tribunali dovremmo avere sull'intero territorio nazionale? Circa la questione dei pesanti costi che graveranno sulle spalle dei cittadini, visto che i professionisti scaricheranno interamente su quest'ultimi gli oneri derivanti da tempi e viaggi verso il tribunale di Vicenza, ricordo che all'inizio di quest'anno è passato un decreto già convertito in legge, per cui tutti i professionisti hanno l'obbligo di comunicare dettagliatamente e preventivamente i costi del servizio che andranno ad offrire al cliente. Il preventivo può essere scritto o orale, e già questo ci permette di valutare il professionista che abbiamo davanti, di fatto non potrà così facilmente addebitare i costi all'utente finale, senza rischiare di perdere il cliente.
Pubblicato da parsifal il 14 set 2012 14:59 | Segnala abuso
Ma che preventivo può fare un avvocato se non sa di quante udienze e quanti anni ci vorrano per completare una causa?
Pubblicato da bikerstef il 14 set 2012 15:05 | Segnala abuso
prima farà un PRE-ventivo e poi alla fine arriva il POST-ventivo ...
Pubblicato da zenmauro il 14 set 2012 16:33 | Segnala abuso
Se il tribunale di Bassano come dicono chiudeva l'anno in attivo questa operazione non può essere un "taglio agli sprechi", è solo un "taglio ai servizi" dati ai cittadini e ancora una volta viene colpita un'area "attiva" per lo stato come è il Bassanese. I ns. rappresentanti politici non devono vergognarsi di una scelta fatta da questo governo tecnico, ma devono molto meditare di come mai c'è un governo tecnico e come mai lo tengono in vita con il loro voto di fiducia.
Pubblicato da brunonet il 14 set 2012 16:39 | Segnala abuso
Credo sia importante tornare a ragionare sulle liberalizzazioni delle professioni, così com'è da sempre ad esempio per gli ingegneri o per gli architetti, ecc. Ing. Bruno Bernardi
Pubblicato da rogas il 14 set 2012 16:56 | Segnala abuso
Condivido quanto espresso da "zenmauro" nella convinzione che prima si ritornera' ad un governo "eletto" meglio e' anche se temo un pasticciccio sulla ineludibile nuova legge elettorale che chiaramente, senza furbate, riporti gli eletti nel potere degli elettori, soprattutto territorialmente. Mi pare che i cosidetti tecnici, da un po'; stiano "pasticciando" un po' troppo e non solo tecnicamente.
Pubblicato da nikkios il 14 set 2012 17:06 | Segnala abuso
Si dovranno impegnare a farlo, e a farlo bene tenendo conto anche della concorrenza che prima era praticamente nulla, blindata prima da un accesso alla professione a dir poco scandaloso - esame di stato - e poi da alcune norme del codice deontologico . Ricordo pertanto che oltre ai preventivi obbligatori sono state abolite le tabelle professionali, ridotto parzialmente il periodo di praticantato per i neolaureati aspiranti avvocati, e recentemente come da D.P.R. 137/2012 introdotta la possibilità di pubblicizzare la propria attività e i compensi applicati.
Pubblicato da marco85 il 14 set 2012 18:19 | Segnala abuso
il ministro ha ragione. C'è stato un errore a monte, ma questo errore non può dare diritto a privilegi. In occidente siamo il paese con più sedi giudiziarie dopo la russia, da qualche parte bisognava iniziare. Anche perché in 150 anni non l'aveva fatto nessuno. I politici ovviamente sanno solo cavalcare le proteste, e si è visto: un anno fa eravamo sull'orlo del baratro.
Pubblicato da parsifal il 14 set 2012 20:39 | Segnala abuso
Ma di che parliamo. Altri paesi hanno anche meno leggi, un decimo delle nostre. Prima dei tagli andava fatta una riforma adeguata che snellisse l'impianto lagistaltivo e la burocrazia soffocante. Allora sì che avrebbe un senso.
Pubblicato da marco85 il 14 set 2012 22:00 | Segnala abuso
Il problema è la troppa litigiosità. Ma litigheremmo così anche se tutto il diritto privato fosse racchiuso in 100 articoli. Ci sono moltissime cause fatte per principio, o che comunque si potrebbero evitare. E' un problema culturale, più che di gestione. Anzi, non si è mai fatto nulla per combattere questo nostro vizio. Qui in italia è fin troppo facile far causa. Solo ora, su spinta dell'europa, si comincia a capire che bisogna introdurre meccanismi per disincentivare ed evitare di arrivarci, davanti al giudice.
Pubblicato da michelebrunelli il 15 set 2012 00:05 | Segnala abuso
Non individua il rapporto causa-effetto: chiudere la cittadella non fa risparmiare i soldi ormai spesi...ma il governo l'ha chiusa. Non considera il rapporto spesa-risultato: la nuova cittadella, forse insensata solo per Bassano, potrebbe avere un senso se sfruttata per servire un più vasto ambito pedemontano...ma il governo l'ha chiusa. Spreca comunque: perché chiude un tribunale funzionante (Bassano) e ingolfa un tribunale già lento (Vicenza). Spreca comunque: perché risparmia lo Stato...ricaricando i costi sui cittadini che pagheranno in tempi e benzine per i maggiori spostamenti. A questo punto chi sostiene un governo privo delle necessarie capacità logiche e organizzative ha una responsabilità gravissima. Urge informare la Merkel e i funzionari di Bruxelles su questa via italiana al risparmio.
Pubblicato da greginato il 15 set 2012 19:44 | Segnala abuso
Caro Ministro, non sono affatto d'accordo. Ma come si permette di fare certe esternazioni ? Primo a Bassano non c'è mai venuta, poi, ormai l'opera è completata, e che facciamo, la riconvertiamo in che cosa ? uffici comunali ? e i soldi per farlo, li tira fuori lei ? rimarrà, per molti anni un monumento allo spreco, e, con la chiusura di Bassano, si aumenteranno di molto i tempi della giustizia nel tribunale di Vicenza. I bassanesi se ne accorgeranno, di quanti danni ha fatto l'ottusità (in questo caso) di chi ci governa.
Pubblicato da ml69 il 15 set 2012 22:43 | Segnala abuso
Sono d'accordo su tutto pero' non e' che i cittadini vanno in tribunale tutti i giorni (per fortuna) ci sara' una perdita economica e un disagio per gli avvocati questo si

Più visti