Pubblicità

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 30-08-2012 11:27
in Attualità | Visto 2.113 volte

Tribunale di Bassano. Zaia: “Esempio di una politica che va contro il popolo”

Il governatore non presenzia alla manifestazione di oggi contro la chiusura del Tribunale, ma dichiara il suo appoggio: “Sono vicino a chi manifesta contro la decisione di un governo miope, che avrà effetti devastanti per cittadini e imprese"

Tribunale di Bassano. Zaia: “Esempio di una politica che va contro il popolo”

Il presidente Zaia: "La manifestazione odierna è un segnale importante"

Il presidente della Regione Luca Zaia era stato invitato a intervenire alla manifestazione convocata questa mattina a Palazzo Sturm in città a difesa del Tribunale di Bassano del Grappa, su iniziativa del Comitato spontaneo par la salvaguardia di Tribunale e Procura, ma per altri impegni istituzionali non ha potuto presenziare all'appuntamento.
Il governatore del Veneto, in concomitanza con la mobilitazione, ha comunque trasmesso alle redazioni una comunicazione “di pieno appoggio” alla causa di Bassano e delle sue sedi giudiziarie.
“I cittadini che oggi manifestano contro la soppressione del Tribunale e della Procura di Bassano - dichiara Zaia - hanno tutto il mio appoggio. Quella del governo Monti è una scelta miope, che mette in difficoltà un’intera comunità e che avrà effetti devastanti per imprese e cittadini. Mi dispiace non essere lì con tutti quei veneti che oggi ribadiranno la propria contrarietà ad una spending review che non è fondata in nessun modo su parametri di virtuosità e di efficienza, ma è l’esempio di una politica che va contro il popolo.”
“Il Tribunale di Bassano - prosegue il Presidente - è un ente virtuoso che garantisce ai cittadini di questo territorio di avere una giustizia snella ed efficiente. In questa sede oggi la durata media dei tempi della giustizia è di circa 3 anni, mentre si calcola che, con la chiusura, si passerà a 6 anni e questo provocherà un grave danno non solo per i cittadini ma anche per le circa 20 mila che imprese presenti nel bassanese e che ogni giorno devono confrontarsi con competitor internazionali.”
“Chiudere il Tribunale e la Procura di Bassano - continua Zaia - testimonia ancora una volta come questa spending review risponda ad una visione centralista dell’amministrazione dello Stato, sorda ai bisogni e alle esigenze dei territori, che andrà a colpire una comunità e un sistema produttivo come quello Veneto, che si è sempre fatto carico anche degli sprechi delle regioni del Sud e dello stesso Stato e che oggi continua a pagare senza veder né premiata né riconosciuta la sua virtuosità e la sua efficienza”.
“La manifestazione odierna è un segnale importante - conclude il governatore - a difesa di un territorio e di una comunità che non possono essere private di queste due sedi: i cittadini bassanesi meritano di avere una giustizia che agisca in tempi brevi come deve avvenire in una società moderna quale è quelle veneta.”

Pubblicità

Canova

Più visti