Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 10-02-2012 21:01
in Il "Tich" nervoso | Visto 3.153 volte

Mai dire Gay

La notizia del “bacio di San Valentino sul Ponte” e dell'adesione all'iniziativa del Circolo Gay&Lesbian di Bassano, pubblicata per prima da Bassanonet, ha fatto il giro dei media perdendo i connotati originali

Mai dire Gay

Il Ponte di Bassano "by night" (foto Alessandro Tich). Sull'adesione del Circolo Tondelli glbt all'iniziativa dello IAT è un vespaio di discussioni

E' strana e imprevedibile, la vita delle notizie.
Lo scorso 7 febbraio, in questo stesso canale “attualità”, avevamo dato per primi la notizia del “bacio di San Valentino”: l'incontro per tutti gli innamorati sul Ponte di Bassano promosso dall'Ufficio IAT per la serata del 14 febbraio.
Eravamo stati anche i primi, nello stesso articolo, a segnalare l'adesione all'iniziativa del Circolo Tondelli glbt, Gay & Lesbian Center di Bassano del Grappa che invita dal suo sito internet tutte le coppie conviventi, eterosessuali e omossessuali, a partecipare al bacio collettivo per rivendicare il diritto al riconoscimento anagrafico delle coppie e delle famiglie di fatto.
La “news”, in men che non si dica, ha fatto il giro del web perdendo progressivamente i connotati dell'informazione originale.
Un portale di informazione di Vicenza, che ha rilanciato la notizia facendo un copia-incolla di alcune parti del nostro articolo, ha messo il titolo ““Sul Ponte di Bassano un "bacin d'amor" per tutte le coppie di fatto”, inserendo i seguenti tag nel link di riferimento: San Valentino 2012 Bassano bacio gay.
Un'altra testata web ha persino “promosso” il Circolo Gay & Lesbian bassanese al ruolo di organizzatore dell'evento.
Leggiamo altri titoli, sempre dalla rete: “San Valentino, baci gay sul ponte degli Alpini”, “San Valentino gay sul Ponte degli Alpini”. La notizia è attualmente in primo piano anche su Gay.it, portale nazionale di informazione omo.
Titoli riferiti al “bacio gay” e all'“amore libero” sono stati pubblicati anche su un quotidiano locale e l'argomento ha avuto persino l'onore dell'interesse del TgRegione della Rai.
Un'attenzione mediatica che ha fatto completamente deragliare lo spirito dell'iniziativa dal binario originale, mettendo in secondo piano - se non nel dimenticatoio - l'encomiabile impegno organizzativo dell'Ufficio IAT, che altro non ha fatto che inventarsi un'idea originale per richiamare la gente a Bassano in occasione della festa degli innamorati.
Le “ultime” su San Valentino riguardano le reazioni, sempre a mezzo stampa, dell'Amministrazione comunale e degli alpini, “numi tutelari” del Ponte che prende anche il loro nome.
L'assessore comunale al Turismo Alessandro Fabris, plaudendo all'iniziativa, invita però a “non strumentalizzarla”. Un po' d'accordo e un po' no: ma nel politico ci sta.
Gli alpini dell'ANA Montegrappa, a riguardo del bacio collettivo, chiedono invece “rispetto, equidistanza da motivi politici e sociali e moderazione nelle effusioni.”
Possono anche avere ragione, per carità. Ma la “moderazione nelle effusioni” andrebbe richiesta anche a qualche penna nera - che in occasione di raduni o adunate non manca mai - propensa a importunare il prossimo dopo avere alzato troppo il gomito.
Ergo: non esageriamo. Il rischio concreto, con tutto questo tam tam, è che il primo evento collettivo dedicato all'amore in città si trasformi in quello che non vuole essere.
Peace and Love!

Più visti