Canova
Canova

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Magazine

Segreti senza tempo

Alla Gipsoteca canoviana di Possagno ieri sera, e in replica oggi sabato 13 agosto, un incontro alla ricerca di un raccordo tra i miti del passato e la poesia moderna

Pubblicato il 13-08-2011
Visto 2.480 volte

Canova

Gli Inesauribili segreti sussurrati al pubblico ieri in Gipsoteca a Possagno, la serata è in replica questa sera sabato 13 agosto, rivelano i raccordi con il passato, con quel mondo classico che ha già forse detto tutto in realtà su ciò che è l’uomo. Le sonate di Bach, le statue del Canova, le parole scritte dagli autori della Grecia antica messe accanto a opere di poeti e scrittori dell’Ottocento o nostri contemporanei, quindi alla lingua e alle immagini dei tempi moderni, a ben ascoltare sono in grado di creare in autonomia un dialogo armonico, intonato, senza bisogno di tante note a piè di pagina. I temi scelti, tre sono i fili conduttori, i miti della terra, dell’eros, del viaggio, sono una Pangea percorsa da tanti passi in tutta la letteratura occidentale. Nell’introduzione alla serata curata da Davide Melchiori, Andrea Dal Negro della Fondazione Canova ha elencato tra gli intenti degli organizzatori la volontà di fornire un’occasione di riflessione, e infatti sono tante le domande che da spettatori vengono in mente durante l’ascolto, ci si chiede soprattutto quanto è viva oggi l’urgenza di confronto con i poeti dell’antichità, è se possibile un superamento o anche un saltare a piè pari l’eredità del passato. Di certo l’ambientazione della serata aiuta a non suscitare pensieri di rottura e disarmonie, facilita invece a cogliere la contiguità: l’incontro con questi miti calati nel reale dalla poesia moderna, l’Andromaca in lacrime davanti a un fiume squallido parigino, l’Achille che “non è mai salito in ascensore, che non aveva passaporto, perché l’orizzonte non lo richiede” e l’Elena caraibica che “sosta tra i tavoli tenendo il vassoio sopra lo stomaco per nascondere alla vista l’onda rotonda della sua attesa”, rivela che è incessante, inesauribile la ricerca dell'infinito e insieme quella del limite umano e che l’arte vera, in tutte le sue forme, continua da sempre a volerla raccontare.

Serata affollata di pubblico all'appuntamento di Operaestate alla Gipsoteca canoviana

Più visti

1

Attualità

21-01-2023

Premiato Ristorante Da Morena

Visto 8.239 volte

2

Politica

23-01-2023

FrecciaVerde

Visto 6.688 volte

3

Attualità

23-01-2023

Riserva della Boh-sfera

Visto 6.504 volte

4

Attualità

20-01-2023

Il Genius della lampada

Visto 6.429 volte

5

Politica

25-01-2023

Un Mose al prezzo di due

Visto 4.961 volte

6

Politica

25-01-2023

Tribuna Politica

Visto 4.948 volte

7

Politica

25-01-2023

Banchi di nebbia

Visto 4.447 volte

8

Contaminazioni

23-01-2023

Otto miliardi di cosa?

Visto 3.194 volte

9
10

Teatro

20-01-2023

Alla sbarra: Il caso Ezra Pound

Visto 3.067 volte

1

Attualità

04-01-2023

Il cibo Benedetto

Visto 9.324 volte

2

Attualità

21-01-2023

Premiato Ristorante Da Morena

Visto 8.239 volte

3

Attualità

03-01-2023

Ultimo Capitolo

Visto 7.734 volte

4

Attualità

31-12-2022

Fake News

Visto 7.615 volte

5

Attualità

04-01-2023

Firmate Fratres

Visto 7.527 volte

6

Politica

30-12-2022

Campagna Infelix

Visto 7.125 volte

7

Attualità

13-01-2023

And San Bassiano Goes To…

Visto 7.102 volte

8

Attualità

03-01-2023

Ci son Tre Coccodrilli

Visto 7.101 volte

9

Attualità

16-01-2023

La Riva Bianca, la freccia verde e l’arcobaleno

Visto 6.941 volte

10

Attualità

16-01-2023

Cuor di Leon

Visto 6.807 volte