Pubblicato il 03-10-2010 09:46
in Magazine | Visto 2.502 volte

La biodiversità sull'Altopiano

Sabato 9 e domenica 10 ottobre a Lusiana con Pomo-Pero la presentazione delle proposte della rete museale che unisce 14 amministrazioni del territorio

La biodiversità sull'Altopiano

L’Edizione 2010 della Giornata della Rete Museale Alto Vicentino verrà ospitata dal comune di Lusiana all'interno della XI edizione della sagra Pomo-Pero. La Rete, ufficialmente costituita nel marzo del 2001, è espressione della volontà di 14 Amministrazioni Comunali - Lusiana, Malo, Marostica, Monte di Malo, Nove, Recoaro Terme, Roana, Santorso, S. Vito di Leguzzano, Schio, Tonezza del Cimone, Valdagno, Valli del Pasubio e Valstagna - di dare il via ad un progetto culturale unitario in grado di favorire l’attivazione e lo svolgimento coordinato di funzioni e servizi volti alla valorizzazione dei musei e del patrimonio culturale del proprio territorio, in un’ottica di collaborazione e di integrazione. Il primo appuntamento è per sabato 9 ottobre presso la Sala Consigliare del Palazzon dove a partire dalle ore 15 si terrà una conferenza sul tema della biodiversità "La biodiversità sull'Altopiano dei 7 Comuni", interventi di: F.Pesavento, del Giardino Botanico di Monte Corno; N. Gusmerotti, della Coldiretti; M. Tondolo, dell’Ecomuseo delle Acque del Gemonese; B.Pallozzi, del Museo Civico "D.Dal Lago" di Valdagno; R.Battiston, dei Musei di Valstagna.Il dottor Roberto Battiston e la dottoressa Bernardetta Pallozzi spiegheranno come attraverso milioni di anni di storia geologica ed evoluzione quello che oggi vediamo come un verde altipiano si sia innalzato dall'antico mare che lo copriva e poi popolato di forme di vita strane e misteriose fino ad ospitare la straordinaria biodiversità che oggi lo abita. Domenica 10 in piazza IV Novembre dalle ore 15 alle 17.30 oltre ad assaporare i tipici frutti dell'Altopiano alla fiera, i visitatori potranno addentrarsi nei laboratori museali proposti dalla Rete Museale Alto Vicentino e conoscere le realtà didattiche, di divulgazione e di ricerca scientifica che arricchiscono il nostro territorio. Il Museo di Speleologia e Carsismo A. Parolini sarà presente quest'anno in collaborazione con il Gruppo Speleologico Settecomuni che presenterà le sue attività di esplorazione.
Ricordare la ricchezza del territorio da parte degli Enti di promozione e di conservazione della cultura locale può servire a fornire a tutti maggiori strumenti di comprensione e di riflessione, utili anche di fronte ai temi dell’attualità e all’ipotesi di alcuni progetti che indubbiamente andrebbero a modificare il delicato equilibrio uomo-natura www.salviamomarcesina.it/

Più visti