Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Libri

Leggere... Alice

Una lettura di Alice in Wonderland su spunto del seminario bassanese “Ciak si... legge”

Pubblicato il 07-03-2010
Visto 2.758 volte

Molti giudizi negativi misti a delusione, è questo il giudizio espresso da parte di tanti critici su “Alice in Wonderland”, il film diretto da Tim Burton, un’opera che in questi giorni mette in fila alla Multisala Metropolis anche tanti bassanesi. La nuova produzione tra l’altro molto attesa dell’eclettico regista, Burton è del ’58 ed ha già ricevuto nel 2007 a Venezia il Leone d’oro alla carriera, sembra piacere ai più per l’estetica curata, gli effetti speciali in 3D, la scelta della colonna sonora, delude invece la trama stravolta dei due romanzi di Lewis Carroll, o meglio del reverendo Charles Lutwidge Dodgson: le accuse sono di tradimento, di infedeltà, quindi giudizi che prendono a prestito parametri morali, come spesso è consueto fare di fronte a film che intendono trasporre opere letterarie. Facendo tesoro di quello che è stato detto al seminario “Ciak si... legge”, proposto recentemente a Bassano, e in particolare prendendo spunto dall’intervento del prof. Leonardo Gandini intitolato “Dalla pagina al film (e ritorno)” cerchiamo di capire il perché della sensazione di delusione che ha colto chi non è riuscito ad apprezzare il film. Posto, come ha detto l’esperto, che ogni trasposizione in immagini di un’opera letteraria costituisce una “novellazione” e che quindi non ci si può lamentare della riduzione massiccia e del fatto che “è molto di più quello che si lascia fuori”, forse quello che dà più fastidio a chi ha letto i due capolavori di Carroll è la mancanza nel film del senso della meraviglia del perdersi. Nei libri dell’autore la vera magia, anche inquietante, nasceva dall'incontro tra normalità e follia, tra sogno e realtà, nel film invece si avverte la vincita assoluta ancora molto disneyana della norma e della convenzione, è forte l’indicazione di percorrere strade già tracciate e la scena finale che vede Alice partire su una nave per aprire nuove rotte commerciali con la Cina certo non aiuta, vi si legge un messaggio che forse è quanto di più lontano ci sia dal nonsense di apertura tra logica e arte di Carroll.

Più visti

1

Politica

20-02-2024

Sant’Elena

Visto 20.357 volte

2

Politica

18-02-2024

A Brunei

Visto 10.694 volte

3

Politica

19-02-2024

Gianni D’Artagnan

Visto 10.258 volte

4

Politica

18-02-2024

Fuga da Alcatraz

Visto 10.137 volte

5

Politica

19-02-2024

Zen O'Clock

Visto 10.045 volte

6

Politica

18-02-2024

La Grande Sorella

Visto 9.872 volte

7

Politica

17-02-2024

Match Point

Visto 9.813 volte

8

Politica

19-02-2024

Liberté, Lega...lité

Visto 9.598 volte

9

Attualità

20-02-2024

Zontel & Gretel

Visto 9.570 volte

10

Politica

20-02-2024

Campagna Verde

Visto 9.553 volte

1

Politica

20-02-2024

Sant’Elena

Visto 20.357 volte

2

Politica

10-02-2024

Il grande momento

Visto 13.355 volte

3

Attualità

03-02-2024

Da Bassano con Furore

Visto 12.694 volte

4

Attualità

06-02-2024

Piani Baxi

Visto 11.511 volte

5

Politica

03-02-2024

Campagnolo elettorale

Visto 11.328 volte

6

Politica

04-02-2024

Giunta comunale

Visto 11.236 volte

7

Attualità

07-02-2024

Sarò lapidario

Visto 11.169 volte

8

Attualità

04-02-2024

Vota Antonio, Vota Antonio bis

Visto 10.944 volte

9

Politica

18-02-2024

A Brunei

Visto 10.694 volte

10

Attualità

02-02-2024

Il sig. Francesco

Visto 10.659 volte