Pubblicato il 25-06-2020 09:59
in Teatro | Visto 362 volte

Le Oscillazioni di Trevisan "dal vivo" al Comunale

Martedì 30 giugno, al Ridotto del Teatro Comunale di Vicenza, Matteo Cremon proporrà la restituzione della residenza artistica dedicata al testo dello scrittore vicentino

Le <i>Oscillazioni</i> di Trevisan

Matteo Cremon

Il Teatro Comunale di Vicenza martedì 30 giugno ritorna ad aprire le porte al pubblico al suo Ridotto, che per l’occasione, in ottemperanza alla normativa vigente di prevenzione alla diffusione del Covid-19, potrà accogliere 100 spettatori.
In programma ci sarà la restituzione dell’analisi drammaturgica realizzata dall’attore teatrale e televisivo Matteo Cremon di un monologo scritto da Vitaliano Trevisan intitolato Oscillazioni (ora contenuto in Due monologhi, edizioni Einaudi, 2009).
Cremon, che di recente ha interpretato anche Il cerchio rosso, per la drammaturgia di Trevisan, è stato protagonista di una residenza artistica che ha avuto come oggetto la costruzione del personaggio che monologa nel testo e che ha guardato alle ipotesi di sviluppo della messa in scena. Lo studio è stato realizzato in collaborazione con Valentina Brusaferro, Stefano Piermatteo, Andrea Santini e con il sostegno dell’associazione culturale “NIM-Neuroni In Movimento”, di cui Cremon è fondatore.
Il lavoro è inserito all’interno dell’iniziativa We Art 3, un progetto di residenze artistiche riguardante danza, teatro e circo del Teatro Comunale di Vicenza riconosciuto e sostenuto dal MiBACT e dalla Regione del Veneto. La residenza, in questo caso si è articolata in 15 giorni, vista come strumento necessario per la sperimentazione, la verifica e il sostegno di nuove linee di creazione e nuove poetiche.
La partecipazione all’evento è consigliata a un pubblico adulto. Protagonista del testo drammaturgico di Trevisan e della pièce è un uomo di circa quarant’anni che si rifiuta di “caninizzarsi”, e che dà voce ai suoi pensieri sospesi come lui su una corda da funambolo: la vita si snoda attraverso un’oscillazione di significati.
Lo spettacolo avrà inizio alle ore 20.45, per le prenotazioni: bit.ly/3eMHZjn.

Libertà è Parola

LIBERTÀ E' PAROLA - #civediamoasettembre

#LIBERIDIRACCONTARCI non è solo un titolo, ma una presa di posizione che come Libertà è Parola abbiamo voluto portare avanti, anche durante mesi...

Più visti