Laura Vicenzi
bassanonet.it
Pubblicato il 04-08-2019 11:31
in Lirica | Visto 325 volte
 

L'amore ai tempi del social

Debutto bassanese, questa sera, domenica 4 agosto, per l’Elisir d’amore di Gaetano Donizetti, co-produzione di Operaestate festival

L'amore ai tempi del <i>social</i>

L'elisir d'amore, in scena per Padova Lirica (fonte FB)

Debutto bassanese questa sera per l’Elisir d’amore, di Gaetano Donizetti, co-produzione di Operaestate festival insieme a La regina delle nevi, di Pierangelo Valtinoni, che andrà in scena il prossimo ottobre.
Realizzato in concerto con l’organizzazione della stagione lirica del Comune di Padova, dove lo spettacolo è stato in programma venerdì 2 agosto, il celebre melodramma che prende il la dalla storia antica e bella di Tristano e Isotta sarà ospitato in città al Castello degli Ezzelini, nel teatro “Tito Gobbi” (o in caso di maltempo al Teatro Remondini) con inizio alle ore 21.
La regia è stata affidata a Yamal Das Irmich, un ritorno per il giovane regista già protagonista l’anno scorso nel cartellone di Operaestate di un applaudito Barbiere di Siviglia; l’orchestra di Padova e del Veneto e il coro Lirico Veneto saranno diretti dal maestro Nicola Simoni.
La magia del filtro d’amore — il librettista Felice Romani si era ispirato a un testo scritto da Eugène Scribe intitolato appunto “Le Philtre” — circolerà in questa versione in un’ambientazione contemporanea che metterà in luce l’attualità dell’opera di Donizetti vista qui in chiave social, o meglio ascoltata guardando alla nostra propensione alle “dipendenze”, al nostro muoverci sempre alla ricerca del consenso, di emoticon che significherebbero like, o love ancor meglio, non importa quanto aiutati da artificio e filtri ingannevoli.
A una trasposizione carica di attualità del melodramma giocoso ma non troppo del compositore bergamasco, uno tra i più celebri operisti dell'Ottocento, il pubblico della lirica non è nuovo, basti pensare all’ambientazione balneare portata sul palco nel 2018 da Damiano Micheletto, con i cantanti in canottiera e pareo.
A interpretare Adina questa sera sarà sul palco il soprano Elbenita Kajatazi; Nemorino sarà il tenore Giordano Lucà; Belcore e Giannetta saranno impersonati da Leonardo Ree e Silvia Celadin e il Dottor Dulcamara sarà il baritono Filippo Polinelli. Scene e costumi sono state realizzati a cura di Matteo Paoletti Franzato.
Per informazioni: www.operaestate.it. Vendita biglietti ancora disponibili sul circuito Vivaticket.