Laura Vicenzi
bassanonet.it
Pubblicato il 09-07-2019 08:25
in Danza | Visto 544 volte
 

Alors on danse

Venerdì 12 e sabato 13 luglio, il Museo civico, Palazzo Agostinelli e il CSC Garage Nardini ospiteranno una danza di eventi per il Simposio di Migrant Bodies

Alors on danse

Andrea Rampazzo - Migrant Bodies

Un fine settimana dedicato alla danza e non solo, venerdì 12 e sabato 13 luglio, che vedrà gli scenari del Museo civico, di Palazzo Agostinelli e del CSC Garage Nardini in alternanza come teatri di dialoghi, performance, pratiche di danza contemporanea per il Simposyum di Migrant Bodies-Moving Borders.
Il progetto promosso da CSC Centro per la Scena Contemporanea, dal Comune di Bassano, La Briqueterie, Centro di sviluppo coreografico della Val de Marne (Francia), HIPP-Istituto Croato per la danza e il movimento, e l’austriaco D.ID Dance Identity, ha operato con il sostegno del programma “Creative Europe” dell'Unione Europea con l’obiettivo di investigare la danza contemporanea come diritto dell'umanità, arte inclusiva ed elemento di coesione culturale e sociale tra i popoli.
Gli appuntamenti del simposio internazionale concluderanno le annualità di progetto con la presentazione di lavori creati appositamente dai suoi tanti attori e di susseguiranno dal mattino, l’avvio alle ore 9.30, per poi proseguire intervallati fino alle ore 20 di venerdì, e alle ore 22.30 di sabato, quando si concluderanno al CSC Garage Nardini con una sessione festosa di danza con DJ set.
Tra gli eventi in programma, nel pomeriggio della due giorni, a Palazzo Agostinelli, il progetto performativo di Sara Lando vedrà coinvolti alle ore 16 gli studenti dell'IPSIA “A. Scotton” di Breganze, dove giocando coi libri d’artista si costruirà una piccola biblioteca di storie; in prima nazionale, al Museo Civico, alle ore 18, Beatrice Bresolin presenterà Io e l(‘)oro_donne - alla ricerca dell’oro, che avrà come protagoniste quindici performer donne; Andrea Rampazzo presenterà sabato al CSC Garage Nardini, alle ore 20, Just Papers, incentrato sul gioco come strumento per indagare le dinamiche di relazione — i costumi di scena sono stati realizzati da una sartoria solidale creata dell’associazione bassanese Casa a Colori.
Negli ultimi due anni, l’importante progetto che ha portato in viaggio i “corpi migranti” in Europa è stato documentato in un film, il cui trailer è visionabile al seguente link youtu.be/oTT3fXL0cdk.
Gli appuntamenti sono a ingresso libero.