Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Pubblicato il 02-12-2017 08:54
in Mostre | Visto 1.112 volte

I Macachi di Albisola

Sabato 2 dicembre, in Chiesetta dell'Angelo, l'inaugurazione della mostra di presepi popolari tradizionali dedicata in questa edizione alla Liguria che sarà aperta e visitabile fino al 7 gennaio

I Macachi di Albisola
Torna anche quest'anno, in Chiesetta dell'Angelo, l'appuntamento con il presepe natalizio nelle sue diverse accezioni culturali. Sabato 2 dicembre, alle ore 17.30, ci sarà l’inaugurazione della mostra dal titolo: I Macachi di Albisola - Duecento anni di presepe popolare ligure.
Il presepe di Albisola vive da oltre due secoli unendo il passato e il presente della tradizione ceramica ligure e proponendo statuine dall'aspetto primitivo - i cosiddetti Macachi - realizzate con scarti di terra rifiniti e colorati.
Curata da Flavia Casagranda, l’esposizione resterà aperta e visitabile da oggi al 7 gennaio, da venerdì a domenica, con orario di apertura dalle ore 15 alle 19. La mostra è stata organizzata in collaborazione con l'associazione culturale “La Fornace”, “Macachi Lab”, la scuola di ceramica di Albisola, con il patrocinio del Comune di Albissola Marina, centro di antica produzione ceramica aderente, come Bassano, all'Associazione Italiana Città della Ceramica.
Macachi Lab è la prima associazione culturale che si occupa della promozione di questo speciale presepe tradizionale ligure: nata nel 2014 dalla volontà di amici appassionati di statuine, ha dato il via a un progetto che intende valorizzare e riportare alla luce una tradizione tutta albisolese che negli anni è stata via via dimenticata. A cominciare la produzione furono le donne, mogli e madri di chi lavorava nelle fabbriche di pignatte o nelle fornaci, che con gli scarti di argilla che queste producevano creavano piccole statuine del presepe, ispirate principalmente ai mestieri del paese. All'apparenza goffe e poco raffinate, avevano preso il nome di “macachi” proprio per il loro aspetto. Ormai è difficile trovare le originali statuine in ceramica, custodite gelosamente dalle famiglie che hanno avuto la cura di conservarle. Macachi Lab, a partire dagli stampi originali, ha riportato in vita la tradizione, realizzando tantissime nuove statuine dall'anima antica, ma dall'aspetto più moderno.
Accompagneranno l’inaugurazione in Chiesetta dei canti natalizi eseguiti dai ragazzi dell'Istituto Comprensivo cittadino “Jacopo Vittorelli”.
L’ingresso è libero.

Più visti