Canova
Canova

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Magazine

Emmi e Leo, nel vento del Nord

Al Teatro Remondini, il penultimo appuntamento di "Il teatro siamo noi" ha proposto la rilettura diretta da Paolo Valerio del romanzo di Daniel Glattauer Le ho mai raccontato del vento del Nord

Pubblicato il 02-04-2014
Visto 2.866 volte

Canova

Andato in scena al Teatro Remondini ieri sera, 1 aprile, per la rassegna “Il teatro siamo noi”, Le ho mai raccontato del vento del Nord ha proposto la rilettura diretta da Paolo Valerio per Fondazione Atlantide-Teatro Stabile di Verona del libro omonimo pubblicato nel 2006 da Daniel Glattauer. Si tratta di un bestseller che ha avuto un gran successo editoriale, un riscontro che lo scrittore austriaco ha visto confermato al seguito del romanzo, La settima onda, dove l’appassionante relazione virtuale tra Emmi Rothner e Leo Leike , i due personaggi principali interpretati sul palco da Chiara Caselli e dallo stesso Valerio, ha il suo epilogo. La storia tra Emmi, una Emma Bovary attualizzata, e Leo, lo psicolinguista, si intreccia narrata e scritta anche sul palcoscenico grazie al supporto di uno schermo dove scorrono come digitate dal vero le parole delle mail che i due si scambiano ininterrottamente per alcuni mesi prima che un fatto inedito, o meglio, una parola rivelatrice, metta uno punto al loro rapporto.
Il loro è un carteggio di quelli moderni, la tecnologia oggi consente un’immediatezza negata, nella tradizione classica, al romanzo epistolare. L’attesa qui deve essere rappresentata, ed è evocata dalla scenografia divisa a metà – la camera di lei, lo studio di lui ai lati opposti del palco ma inclinati, convergenti – e dallo scorrere di immagini con le note atmosfere immobili alla Hopper, alla Wyeth. Il consueto margine largo lasciato al tempo nel passato qui è annullato dal botta e risposta da chat tamburellato a suon di dita sui due pc lontani, e da un’asciuttezza che talvolta fa sembrare i testi dialoghi spicci da telefonata. Eppure è proprio la parola scritta la vera protagonista della pièce e del libro di Glattauer: ciò che crea un legame forte, indissolubile ed esclusivo tra Emmi e Leo è al tempo stesso la ragione e il veicolo ideale che conduce la loro storia.
I due attori che si muovono sulla scena donano vitalità soprattutto alla rappresentazione del crescendo di paura dell’incontro reale, del timore che l’uscita da quelle “stanze” possa rovinare tutto e che quindi sia quasi meglio restare ancora chiusi lì, come se ciò fosse possibile. Nei fatti è un elemento incorporeo, una mail scritta a Leo del marito di lei, a fissare nei margini della realtà la loro relazione. E alla comparsa sullo schermo del messaggio che annuncia la chiusura definitiva della casella di posta di Leo, gli spettatori sanno già che quel vento di parole tanto vitale, anche altrove, tornerà a soffiare.

Applausi.

Più visti

1

Attualità

02-12-2022

Dynasty

Visto 6.390 volte

2

Musica

03-12-2022

Three Men Apart al Remondini

Visto 3.452 volte

3

Attualità

08-12-2022

Sturmtrippen

Visto 2.620 volte

4

Magazine

07-12-2022

Bassano che legge

Visto 2.177 volte

5

Calcio

04-12-2022

Bassano bum bum

Visto 2.089 volte

6

Attualità

09-12-2022

The Special One

Visto 1.096 volte

7

Calcio

08-12-2022

Vittoria fondamentale

Visto 822 volte

8

Politica

09-12-2022

Un pass avanti

Visto 252 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.369 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 9.180 volte

3

Politica

29-11-2022

Pietrosante non è un’opinione

Visto 8.252 volte

4

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.195 volte

5

Cronaca

29-11-2022

Coming Home

Visto 8.123 volte

6

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.641 volte

7

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.591 volte

8

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.490 volte

9

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.441 volte

10

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.389 volte