Pubblicità

Radici FutureRadici Future
Pubblicato il 26-03-2021 20:22
in Scuola | Visto 2.844 volte

Sammy Basso è dottore magistrale in Molecular Biology

Un’altra corona d’alloro sulla testa del 25enne di Tezze sul Brenta, conosciuto per la sua grande attività di sensibilizzazione in merito alla progeria, da cui lui stesso è affetto.

Sammy Basso è dottore magistrale in Molecular Biology

Un altro traguardo raggiunto e un’altra corona d’alloro sulla testa di Sammy Basso, il 25enne di Tezze sul Brenta, conosciuto per la sua grande attività di sensibilizzazione e per la promozione della ricerca in merito alla sindrome di Hutchinson-Gilford, conosciuta come progeria, ossia un invecchiamento precoce nei bambini, da cui lui stesso è affetto. Dopo la sua laurea triennale in Scienze Naturali, lo scorso 24 marzo ha conseguito il titolo di dottore magistrale nel corso internazionale di Molecular Biology all’Università degli studi di Padova.

Allora Sammy, come ti senti dopo questo traguardo?

“Devo dire che non me ne rendo ancora conto, mi sembra sia un sogno. Durante l’esposizione devo ammettere che ero teso, però è un argomento mio ed è stato bello poterlo esporre. Inoltre le domande che mi sono state fatte erano davvero stimolanti. Sono stati due anni tosti, soprattutto perché nel mentre ho dovuto subire un’operazione impegnativa al cuore, ma devo dire di essere molto soddisfatto del percorso che ho fatto e questo perché i corsi frequentati sono stati utili e formanti”.

Il tono di sollievo è percepibile anche attraverso una semplice telefonata e la sua gioia la si sente ad ogni suo sospiro.

Ma, ora che hai finito, che cosa farai?

“Sicuramente mi prenderò qualche mese sabatico e di relax. Devo dire che dopo questo mio percorso la strada del ricercatore mi attira molto, tuttavia ammetto che voglio anche lasciarmi stupire dal futuro”.

Parlaci un pochino della tua tesi.

“La tesi s’intitolava Crosstalk between Lamin A and Interleukin 6 under stress conditions and in premature ageing, ossia ho analizzato se ci fosse una correlazione tra le proteine lamina A (mutata in progenia) e l’interleuchina 6, dalle analisi è risultato che c’è in effetti, ma non abbiamo ancora capito bene di che entità essa sia. La mia relatrice era la prof.ssa Chiara Rampazzo, mentre le due correlatrici esterne che mi hanno guidato nella tesi sono state la dott.ssa Giovanna Lattanzi e Cristina Capanni dell’Istituto di Genetica Molecolare del Cnr della sede di Bologna”.

In questi mesi, quando la situazione pandemia si sbloccherà, c’è qualcosa che vorresti fare?

“Sicuramente viaggiare. Speriamo si torni a farlo presto”.

Come ti è sembrato discutere la tesi a distanza?

“In realtà devo dire che non è stato per niente male, c’è stata la possibilità di far collegare molti amici e per me è stato davvero bello”.

Le sue risposte sono serene e distese, come se si fosse tolto un peso dalle spalle e fosse pronto a spingersi verso una nuova avventura, di cui i contorni non sono ancora chiari. Tuttavia Sammy in questi anni ci ha dimostrato di essere capace di qualsiasi cosa, dalla fondazione dell'Associazione Italiana Progeria Sammy Basso (A.I.Pro.Sa.B.) fino ad arrivare a conquistare il titolo di Cavaliere della Repubblica, pertanto non ci aspettiamo altro che grandi cose!

Pubblicità

Opera EstateCelebrazioni PonteMostra

Più visti