Pubblicità

Radici FutureRadici Future
Pubblicato il 28-05-2010 22:16
in Calcio | Visto 2.359 volte

“Un grazie a chi ci sostiene ma chiediamo più supporto”

Stefano Rosso: “A volte sarebbe bastato un pizzico di condivisione in più da parte della piazza. Questa è stata un’annata finita male ma di grande crescita societaria”.

“Un grazie a chi ci sostiene ma chiediamo più supporto”

Stefano Rosso impegnato nell'amichevole a ranghi misti tra Bassano e sponsor/partenr. Al suo fianco Matteo Caciagli (foto Andrea Martinello)

L’occasione è stato il primo Marketing Meeting del Bassano Virtus, l’iniziativa, che ha raccolto unanimi consensi, ha come scopo quello mettere in relazione i vari partner (tra cui Adidas,bassanonet, Unieuro, Unipol, Graficart, Smile Service, Helyos, Itv, Sixtus, Hotel Al Camin) della formazione cittadina. A fare gli onori di casa è il dg Stefano Braghin, che apre l’incontro facendo un bilancio commerciale della stagione appena conclusa e illustrando i progressi fatti dalla società giallorossa sul piano della comunicazione. Ma il piatto forte giunge in chiusura di giornata con il presidente Stefano Rosso che coglie l’occasione per fare un pizzico di chiarezza in più sul futuro società di via Piave: “La stagione appena conclusa non è stata completamente fallimentare perché dopo l’andata, in cui si rischiava addirittura la retrocessione, ci siamo rialzati andando addirittura ad un soffio dai playoff. Colgo l’occasione per salutare e ringraziare per i numerosi attestati di stima che ci sono giunti però al momento siamo ancora in una situazione poco simpatica perché continuiamo a sentirci pochi a voler valorizzare il Bassano Calcio. A parte pochi assenti, tra cui mio padre all’estero per motivi di lavoro, oggi sono presenti tutti quelli che supportano con grande dedizione questo progetti. Ecco noi vorremmo che il numero dei partecipanti fosse sempre più numeroso, che la passione per questi colori si diffonda e ci restituisca l’entusiasmo indispensabile per portare il Bassano in altri lidi. Sono convinto che tutti meritiamo molto di più di quello che è stato quest’anno, alle volte sarebbe bastata una condivisione maggiore da parte della piazza, cosa che reputo forse più importante di una promozione in C1. Sto facendo un discorso d’affetto non d’incassi al botteghino”. Fin qui l’amarezza ma poi c’è anche il tempo di una considerazione importante: “Nonostante la delusone per una stagione finita in maniera modesta posso dire che l’annata trascorsa è stata importante per la crescita societaria. Speriamo di continuare sulla strada appena tracciata anche se al momento non siamo ancora giunti ad una conclusione definitiva. Ripeto, un po’ d’entusiasmo e condivisione in più, come sponsor o come tifosi, sarebbe essenziale per farci tornare il desiderio di portare avanti sempre con maggior convinzione quest’avventura”.

Soddisfatto per i consensi raccolti durante il meeting, pensato dal reponsabile marketing Alessandro Basso e che ha contemplato anche una sfida a ranghi misti tra prima squadra e sponsor/partner sul terreno del “Mercante”, Stefano Braghin si concede per un attimo ai taccuini dei cronisti per smentire categoricamente la proposta che il Soccer Team avrebbe fatto a Viviani quale tecnico per la prossima stagione: “Non c’è nulla di vero, non abbiamo preparato nessun contratto per nessuno. Al momento il nostro allenatore è Beghetto e finché la proprietà non ci darà un input ogni altra ipotesi deve essere considerata inverosimile”.

Pubblicità

Celebrazioni PonteMostraOpera Estate

Più visti