Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 30-07-2009 21:07
in Teatro | Visto 2.099 volte

Panóptikon, riflessione teatrale sulle tecnologie che ci “spiano”

Uno spettacolo di teatro contemporaneo domenica 2 agosto nel chiostro del Museo Civico di Bassano

Panóptikon, riflessione teatrale sulle tecnologie che ci “spiano”
Domenica 2 agosto al chiostro del Museo Civico di Bassano del Grappa avrà luogo “Panóptikon”: la prima performance di “Le Città PerformAttive”, progetto di formazione in arti sceniche contemporanee.
Lo spettacolo, per la regia di Barbara Riebolge, costituisce la prima tappa aperta al pubblico del programma itinerante che prevede la realizzazione di workshop intensivi di arti performative nelle città di Bassano del Grappa, Treviso e Castelfranco Veneto e la successiva messa in scena di una serie di studi-performance in luoghi caratteristici delle medesime città coinvolte.
Il suggestivo chiostro ospiterà una produzione sperimentale di gruppo, nata dalla collaborazione tra il workshop di ricerca teatrale e quello di registrazione audio ambientale. La riflessione vedrà una partecipazione attiva del pubblico all’azione teatrale.
Il “Panoptico” è un progetto architettonico carcerario ideato alla fine del XVIII secolo da Jeremy Bentham, in cui i detenuti vengono sorvegliati senza avere la percezione di essere osservati. Il nome stesso sottintende la possibilità di osservare (optikón) tutto (pan).
È divenuto il simbolo nella nostra società del rapporto tra singolo individuo e regole del sistema sociale. Il controllo pervade la società da dentro: una tematica molto vicina a quella del “Grande Fratello” nel romanzo “1984” di George Orwell.
Uno studio sul rapporto tra osservatore e osservato: ciascuno di noi è osservato in maniera più o meno inconsapevole da un osservatore invisibile e inverificabile.
Attraverso nuovi sistemi di scambio e comunicazione (cellulari, internet, video sorveglianza, carte e bancomat) siamo rintracciabili e visibili. Una nuova consapevolezza di essere osservati in maniera e quantità straordinaria.
Lo spettacolo replicherà alle ore 21.30, 22.00, 22.30 e 23.00.
I posti sono limitati e la prenotazione è obbligatoria.
Contatti: 327.3293996, 349.3621836
cittaperformattive@gmail.com

Più visti