Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 03-09-2010 20:59
in Attualità | Visto 3.179 volte

“Finco e l'amianto? La montagna ha partorito un topolino”

La replica del vicesindaco e assessore all'ambiente di Bassano Carlo Ferraro alle accuse del consigliere regionale e comunale della Lega Nord. “Finco si è fatto un regalo mediatico, a spese dei contribuenti”

“Finco e l'amianto? La montagna ha partorito un topolino”

L'assessore Carlo Ferraro: "La vera urgenza era l'emergenza-Dengue"

Nicola Finco? Ha scoperto l'acqua calda.
E' il senso della replica del vicesindaco e assessore comunale all'ecologia e all'ambiente di Bassano Carlo Ferraro alle nuove accuse lanciate dal consigliere regionale e comunale all'Amministrazione Cimatti, colpevole - a suo dire - di avere “annunciato trionfalmente l'inizio dei lavori per la sistemazione della pista pedonale e dell'alveo del Brenta all'altezza di Via Volpato” e di avere del tutto trascurato la situazione di inquinamento in riva al fiume poco più a sud, all'altezza del Ponte della Fratellanza meglio noto ai bassanesi come "Terzo Ponte".
Accuse per motivare le quali Finco - nella sua veste di presidente della Commissione Ambiente della Regione - fa riferimento a una segnalazione dell'Arpav (l'Agenzia per l'Ambiente della Regione Veneto) da lui stesso sollecitata a compiere un sopralluogo sul posto, dove è stata riscontrata la presenza “di materiali di risulta, scarti di attività edile ma anche plastica, metallo e frammenti di cemento amianto.”
“La segnalazione di Arpav - dichiara a Bassanonet il vicesindaco Ferraro - è arrivata anche da noi in Comune, ma solo per conoscenza perché non ha nessun carattere di urgenza, in quanto la situazione esiste da molti anni e non presenta, come evidenziato dalla stessa Arpav, pericoli reali per la salute.
E' vero che sono stati ritrovati dei frammenti di cemento amianto, che naturalmente andranno rimossi. Qualsiasi altro intervento sarà concertato con Arpav, in una collaborazione come sempre estremamente seria e puntuale.”
“Quando ci è arrivata la segnalazione, dieci giorni fa - continua l'assessore - eravamo in piena emergenza “Dengue”, risolta con solerzia ed efficienza con la disinfestazione in Quartiere XXV Aprile contro la zanzara tigre. L'urgenza era quella.
Per quanto riguarda l'amianto, è un problema a cui rivolgiamo pienamente la nostra attenzione. L'eternit è un problema vero, sempre e comunque, e i manufatti in amianto sono diffusi in tutto il territorio. Sulla rimozione dell'amianto serve un intervento di più vasta portata e confidiamo nella tangibile collaborazione della Regione.”
Il problema a ridosso del Ponte della Fratellanza dunque, esiste: ma la questione, in realtà, è nota da anni.
“Riguardo al consigliere Finco - conclude il vicesindaco - dunque sembra veramente che la montagna abbia partorito il classico topolino.
E' anche vero che questa sera si svolge la festa per la sua elezione in Regione. L'idea è che Finco si sia voluto fare un regalo mediatico, e a spese dei contribuenti.”

Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 - Candidati Bassanesi a confronto

Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 Candidati Bassanesi a confronto #conosciltuovoto Il progetto Libertà è Parola nasce con una...

Più visti