Pubblicità

Pubblicato il 18-06-2010 18:27
in Attualità | Visto 2.056 volte

Urbanistica: parte il tavolo di concertazione tra Comuni

Bassano si pone come capofila in un progetto ambizioso che coinvolge i ventidue Comuni ricadenti nell’ambito territoriale dell’Ulss 3

Urbanistica: parte il tavolo di concertazione tra Comuni

Panoramica dalla Torre Civica di Bassano verso l'Altopiano di Asiago

Si è tenuto ieri presso la sede dell’ufficio “Urbanistica ed Edilizia Privata” del Comune di Bassano del Grappa la prima riunione tra il direttivo dei funzionari tecnici dei Comuni ricadenti nell’Ulss 3, ossia del Bassanese e dell’Altopiano dei Sette Comuni. L’ambizioso obiettivo è di arrivare a creare, nel medio periodo, un tavolo di concertazione permanente che consenta un continuo scambio di dati, esperienze e informazioni al fine di una auspicabile gestione unitaria del territorio di riferimento. Per fare questo i Comuni interessati dal progetto hanno votato il suddetto direttivo che risulta composto dai rappresentanti di Bassano del Grappa, Asiago, Pove del Grappa, Romano d’Ezzelino e Rosà. Le decisioni prese i questa sede saranno quindi estese e recepite da tutti i Comuni aderenti.

“Un tavolo di concertazione sulle tematiche di gestione territoriale ed ambientale è progetto sul quale mi sono messo a lavorare non appena ho ricevuto questo incarico ad inizio anno – spiega Adriano Ferraro, dirigente dell’Area Urbanistica della città del Grappa –. Siamo partiti nei mesi scorsi organizzando una serie di incontri con i Comuni del circondario, al principio riscontrando grande adesione da parte di alcuni e diffidenza da parte di altri ma pian piano tutti si sono convinti della bontà del progetto, portando ciascuno il proprio contributo”. Lo step di partenza è quello di rendere uniforme la modulistica in modo da agevolare il rapporto con i cittadini e il lavoro di tutti quegli operatori e tecnici che si rapportano quotidianamente con le pratiche edilizie: “L’esito del primo incontro mi fa pensare di aver imboccato la strada giusta – continua Ferraro – credo che uniformare la modulistica sia l’aspetto prioritario e semplice per cominciare una discussione che si pone l'obiettivo di far raggiungere un buon grado di omogeneità per quanto riguarda le norme tecniche del Piano degli interventi (approssimabile entro certi limiti all’ex PRG ndr), il Regolamento Edilizio Sostenibile (RES) e il Piano Paesaggistico che vorremmo venga fatto congiuntamente. In definitiva questo progetto vuole affrontare tutti i problemi di natura urbanistica ed edilizia del territorio e ci tengo a sottolineare che si tratta della prima volta in assoluto che Bassano del Grappa, in qualità di comune capofila del territorio di riferimento, si prende l’incarico di portare avanti una proposta del genere”.

Attualmente negli incontri sono coinvolti solo i Comuni ricadenti all'interno dell'Ulss 3, in futuro il numero di enti coinvolti potrebbe essere maggiore: “Credo che dare la possibilità di entrare in questa collaborazione a tutti quei Comuni che pur non facendo parte dell’Ulss 3 gravitano nello stesso ambito geografico/sociale, come Borso del Grappa tanto per fare un esempio, sia un aspetto auspicabile. Ma la nostra intenzione, ora come ora, è quella di dare sostanza all’iniziativa e solo in un secondo momento di aprirci ad una discussione più ampia”.

    Pubblicità

    MostraOpera Estate

    Ultimora

    Più visti