Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 15-11-2009 03:31
in Attualità | Visto 3.028 volte
 

Guerra al fumo al Liceo “Brocchi”

La preside Maddalena Lazzarotto impone il divieto assoluto di fumare entro i confini della scuola. Per i trasgressori, sanzioni disciplinari e una denuncia alle forze dell'ordine

Guerra al fumo al Liceo “Brocchi”

Sigarette "off-limits" al Liceo Brocchi di Bassano del Grappa

“Questa mattina al mio arrivo in Viale XI Febbraio sono entrata in una nuvola di fumo di sigaretta. Da più parti mi segnalano che anche durante la ricreazione si vede levarsi analoga nuvola al di qua del muro di cinta. Ciò è indegno in un luogo dove l'educazione è sacra e l'educazione alla salute presupposto per ogni altro apprendimento”.
Inizia così il testo di una circolare della dirigente scolastica del Liceo Ginnasio “Brocchi” di Bassano Maddalena Lazzarotto. La preside, verificato il consumo industriale di sigarette tra gli studenti delle sedi di Viale XI Febbraio e di Via Beata Giovanna, è passata alle vie di fatto e ha imposto il divieto assoluto di fumare entro i confini della scuola.
“Dopo anni in cui abbiamo cercato di promuovere una progressiva diminuzione del fumo puntando sull'educazione alla salute senza ricorrere al proibizionismo - continua la dirigente nella lettera indirizzata ai docenti, agli studenti e al personale scolastico - sono costretta a farvi ricorso perché la situazione è intollerabile. Noto infatti come il comportamento, di per sé disdicevole, sia accompagnato spesso da atteggiamenti di poco rispetto nei riguardi delle persone, soprattutto di quelle che richiamano al rispetto delle regole e della pulizia e del decoro degli spazi pubblici. Ciò è tanto più grave in quanto la percentuale delle studentesse e degli studenti delle classi prime che fumano è superiore a quella delle altre classi.”
La preside invita dunque tutti, “e in primo luogo di docenti”, a “riflettere e a far riflettere sul danno gravissimo che questo deprecabile comportamento comporta per la salute fisica nell'immediato e nel lungo termine”.
Segue un richiamo ai docenti incaricati della sorveglianza “a far rispettare la regola di salvaguardia dell'igiene e della salute di tutti vigilando che all'interno dei confini della scuola non si fumi”.
Per i trasgressori è prevista una dura sanzione: la segnalazione alla direzione per l'inoltro della denuncia alle forze dell'ordine. A questa si aggiungono le sanzioni disciplinari che “saranno stabilite dal Consiglio di Istituto, sentito il Collegio dei Docenti”.
Non manca un richiamo anche ai genitori “a cui chiediamo - conclude la dirigente scolastica - di collaborare nell'opera di educazione o rieducazione alla salute. A loro assicuriamo che prima di prendere una qualsiasi decisione che riguardi i loro figli saranno avvisati per decidere insieme il da farsi.”