Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 24-10-2009 01:49
in Attualità | Visto 2.114 volte
 

Teatro Astra: il Comune modifica l'accordo

La giunta Cimatti prende in mano il protocollo siglato tra la giunta Bizzotto e il comitato “Salviamo il nostro teatro” e fissa i suoi paletti

Teatro Astra: il Comune modifica l'accordo

Teatro Astra, il Comune erogherà "una cifra simbolica"

La delibera era stata approvata in extremis dall'Amministrazione Bizzotto e la nuova Amministrazione Cimatti se l'è trovata sul tavolo già pronta e impacchettata.
Oggetto: l'acquisto e il recupero dello storico Teatro Astra ( già Teatro Sociale, oltre 200 anni di storia ) promosso da un comitato di cittadini e associazioni con il sostegno del Comune.
Il documento, approvato lo scorso 18 giugno - tre giorni prima del ballottaggio elettorale - dava il via libera al protocollo d'intesa tra il Comune di Bassano e il comitato di iniziativa privata “Salviamo il nostro teatro” allo scopo di “sensibilizzare la cittadinanza e promuovere la raccolta di fondi per l'acquisto, il ripristino e il completamento degli spazi necessari al Teatro oggi denominato Astra.”
Dopo alcuni mesi la giunta Cimatti ha ripreso in mano il provvedimento modificando due punti fondamentali del protocollo.
Nel documento originale l'Amministrazione Comunale si impegnava a stanziare nel proprio bilancio a partire dal 2009 “una somma adeguata” finalizzata allo scopo.
Nel nuovo testo modificato il Comune si impegna a stanziare nel proprio bilancio “una cifra che potrà essere anche solo simbolica, al fine di testimoniare la propria intenzione, compatibilmente con le risorse disponibili all'acquisizione del teatro.”
Sempre nel protocollo firmato da Bizzotto, l'Amministrazione Comunale si impegnava ad attivare “uno specifico conto corrente sul quale potranno confluire successivamente contributi di Enti, Associazioni e Privati destinati allo scopo.”
Il nuovo testo modificato rovescia invece i termini della questione disponendo che “l'eventuale conto corrente bancario per il versamento di contributi sarà aperto dal Comitato e non dall'Amministrazione Comunale.”
Insomma: sì al progetto di riacquisizione dello storico teatro, ma con dei precisi paletti fissati sulla disponibilità delle casse pubbliche e sulle modalità di raccolta dei fondi, completamente a carico del comitato privato.
Resta immutata la condizione secondo la quale “se entro tre anni dalla sottoscrizione del protocollo non si concludesse il passaggio del Teatro Astra alla Città di Bassano” le somme erogate dai donatori e benefattori dovranno essere tutte restituite.