Marostica
Marostica

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it

Cronaca

Prima di Stacchio, ci fu lui

E' morto a Pove del Grappa Natale Dal Moro. 16 anni fa sparò a un giostraio, armato di pistola, che stava rubando nel suo bar-tabaccheria. Fu indagato per eccesso di legittima difesa e condannato a risarcire il malvivente

Pubblicato il 09-06-2015
Visto 5.391 volte

Marostica

Natale Dal Moro, ex tabaccaio di Pove del Grappa, è morto all’età di 81 anni. Oggi il suo nome è comparso sul giornale nello spazio delle epigrafi, ma 16 anni fa - per tutt’altri motivi - riempì per giorni le pagine dei quotidiani e i servizi dei telegiornali. Il 12 gennaio 1999, infatti, Dal Moro diventò suo malgrado protagonista di una drammatica vicenda che - anche se non ci scappò il morto - ricorda in tutto e per tutto quello che è successo la sera dello scorso 3 febbraio al benzinaio di Ponte di Nanto Graziano Stacchio.
Nel corso della notte tre giovani malviventi, tutti giostrai, presero di mira il bar-gelateria-tabaccheria “Da Natale”, che Dal Moro gestiva a Pove assieme alla compagna di allora e contitolare Elsa Guadagnini. L’intrusione dei ladri - che stavano rubando sigarette, valori bollati e schede per ricariche - fece scattare l’allarme nell’appartamento dei due gestori del locale, al piano di sopra.
La donna chiamò il 112 mentre Dal Moro, imbracciato il fucile, raggiunse i malviventi all’esterno. A quel punto uno dei tre giostrai, Davide Massaroni Gabrieli, allora appena 16enne, impugnò una pistola. Dal Moro non ci pensò due volte e sparò, ferendo il ladro che fu recuperato dai due complici che, in fuga con una Fiat Uno, lo scaricarono davanti al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Bassano.

Natale Dal Moro con Elsa Guadagnini in una foto di alcuni anni fa (fonte immagine: gazzettino.it)

Il gesto di Dal Moro - che suscitò la solidarietà di tutti i tabaccai d’Italia e una raccolta di 5000 firme in suo sostegno nel suo paese - ebbe uno strascico giudiziario. Il commerciante - che aveva un porto d’armi per uso sportivo - fu indagato per eccesso colposo di legittima difesa, rinviato a giudizio e alla fine condannato a pagare al giostraio ferito (che successivamente avrebbe continuato a delinquere) un risarcimento di 110 milioni di lire.

Più visti

1

Attualità

11-08-2022

Il quadro del Caravaggio

Visto 7.049 volte

2

Attualità

11-08-2022

C’era una volta Maria Meccanica

Visto 6.819 volte

3

Politica

12-08-2022

Cantando sotto la pioggia

Visto 6.728 volte

4

Attualità

16-08-2022

Tiramisù

Visto 4.952 volte

5

Imprese

11-08-2022

Latte millesimato

Visto 4.819 volte

6

Teatro

11-08-2022

Su fazzoletti di terra

Visto 3.508 volte

7

Attualità

17-08-2022

Bastion Contrario

Visto 3.361 volte

8

Danza

16-08-2022

B.Motion emoziona in danza

Visto 2.337 volte

9

Politica

18-08-2022

Bassanese per finta

Visto 922 volte

1

Attualità

26-07-2022

Il Genius della lampada

Visto 8.589 volte

2

Industria

27-07-2022

Le “Radici Future” crescono con la seconda edizione

Visto 8.536 volte

3

Attualità

10-08-2022

Tu mi turbi

Visto 8.309 volte

4

Politica

28-07-2022

Circus Pavan

Visto 7.673 volte

5

Politica

28-07-2022

La Novenovela

Visto 7.349 volte

6

Attualità

19-07-2022

Colpo di Genius

Visto 7.316 volte

7

Attualità

28-07-2022

Parco RAASM, la grande Oasi del territorio

Visto 7.174 volte

8

Cronaca

19-07-2022

Signore delle cime

Visto 7.169 volte

9

Politica

22-07-2022

Lucy in the Sky with Diamonds

Visto 7.065 volte

10

Attualità

11-08-2022

Il quadro del Caravaggio

Visto 7.049 volte