Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 19-04-2013 13:59
in Attualità | Visto 2.118 volte

Una sagra al Museo

Il 28 aprile porte aperte al Museo Civico di Bassano per la giornata-evento “Danza al Museo”. Una non-stop di 8 ore con 100 performance per i 100 anni della “Sagra della Primavera”: il celebre balletto di Nijinski musicato da Stravinsky

Una sagra al Museo

Francesca Foscarini e Marco D'Agostin, due dei "danzautori" protagonisti di Danza al Museo 2013

I ristoratori di Confcommercio Bassano - che più volte, in passato, hanno puntato il dito sulla presunta “concorrenza sleale” di sagre, sagrette, feste gastronomiche e simili - stiano tranquilli. La grande sagra in programma domenica 28 aprile al Museo Civico di Bassano del Grappa non somministrerà bigoli o salsicce, ma spettacolo e cultura. “100 anni 100 sagre” - questo il titolo della manifestazione - sarà infatti uno straordinario omaggio, in occasione della Giornata Mondiale della Danza, ai 100 anni della “Sagra della Primavera”: la creazione coreografica di Vaslav Nijinski, musicata da Igor Stravinsky nel 1913, che costituisce una delle pietre miliari della storia della musica e della danza del 20° secolo.
Nell'occasione il Comune di Bassano, con il CSC/Casa della Danza di Operaestate Festival, propone per il terzo anno consecutivo la giornata-evento “Danza al Museo”. Dalle 10 alle 18, ininterrottamente, gli angoli del Museo Civico saranno invasi da un centinaio di performance di danza contemporanea che vedranno impegnati una cinquantina di allievi delle scuole di danza del territorio (dai ragazzini agli over 60) e di cinque “danzautori” ormai affermati, lanciati proprio dai progetti europei di formazione e residenza artistica della CSC di Bassano: Marco D'Agostin, Francesca Foscarini, Giada Meggiolaro, Camilla Onga e Alessandro Sciarroni.
Tutti pronti a raccogliere l'impegnativa sfida, reinterpretandola in chiave attuale, della “Sagra”: coreografia che presenta tra i suoi temi il conflitto tra generazioni e i diversi approcci alla rappresentazione della gioventù e della vecchiaia, che ancora oggi sono al centro di riflessione e di dibattiti in ambito internazionale. Da qui l'idea di investigare, nell'ambito del Progetto Europeo Act Your Age (“Interpreta la tua età”), il tema “Invecchiare e rappresentare l'età nella Sagra della Primavera” utilizzando i linguaggi della danza e dell'arte visiva.
Il pubblico - l'ingresso, come sempre, sarà libero e gratuito - potrà così muoversi tra le sale del Museo ed assistere alle performance non-stop dei vari artisti e ad installazioni video che raccontano la storia del balletto della “Sagra della Primavera”. Saranno inoltre proiettati in loop i cortometraggi del video-concorso, dedicato agli under 23, ispirato al tema della “rappresentazione dell'età”. La premiazione delle quattro opere vincitrici avverrà alle 16.30.
Sarà, come sempre, una giornata full-optional: il pubblico potrà fotografare le performance e scaricare direttamente sul posto o inviare le foto scattate che, corredate di credits, saranno pubblicate sui social network di Operaestate.
Uno spazio ad hoc è stato pensato anche per i più piccoli, che troveranno all'interno del Museo corner e materiali per disegnare, lasciando così una traccia delle suggestioni ricevute nel corso della giornata.
Le scuole di danza del territorio coinvolte nella maratona (Domus Danza, Centro Arte Danza Lucy Briaschi, Etra Danza, Kasadanza e Centro Formazione Danza) appartengono alla rete No limi-t-action. “Abbiamo studiato il linguaggio originario della coreografia di Nijinski - spiega in conferenza stampa Lucy Briaschi, una delle insegnanti protagoniste della manifestazione -. Hanno lavorato insieme i giovanissimi e gli ultrasessantenni, e c'è stata una grande sinergia e unione tra generazioni.”
All'incontro di presentazione alla stampa di “Danza al Museo” intervengono l'assessore Carlo Ferraro, che sottolinea il grande impatto delle “contaminazioni” artistiche che vengono proposte per il terzo anno consecutivo, e il direttore di Operaestate Rosa Scapin, che ricorda il grande lavoro della CSC/Casa della Danza di Bassano nel sostegno ai giovani artisti emergenti grazie a cinque progetti europei realizzati in partnership con istituzioni artistiche di altri Paesi.
E allora: domenica 28 aprile, chi lo desidera potrà fare sagra in Museo. L'animazione del centro storico ha bisogno anche di questo: buona visione a tutti.

LIBERTA' E' PAROLA - AVANTI CON CORAGGIO

Cari #amici di Libertà è Parola, il momento che stiamo vivendo richiede responsabilità e noi stiamo facendo la nostra parte, anche se vorremmo...

Più visti