Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Magazine

Le Aure di Proust

Nella serata conclusiva di B.motion la compagnia Teatro Persona ha presentato a Bassano in anteprima il suo nuovo spettacolo ispirato alla Recherche di Marcel Proust

Pubblicato il 04-09-2011
Visto 2.622 volte

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Aure, presentato al Teatro Remondini in apertura della serata finale di B.motion, ha proposto una Recherche evocata e silenziosa, i sette volumi di Proust addensati in un linguaggio dei segni parlato solo dai corpi e dalla luce.
La compagnia Teatro Persona ha ambientato la sua rappresentazione ispirata al capolavoro dello scrittore francese in una “stanza della memoria” estetizzante e onirica, la scena priva di mobilio – presenti solo una sedia, un tavolino, un libro e un lume, ciò che è sufficiente all’uomo per fermarsi a recuperare il tempo perduto attraverso la sua riscrittura – lo spazio reso un luogo/non luogo dove il tempo che scorre è quello mosso dalle figure che vi compaiono e dai loro ricordi. Le azioni dei personaggi, i protagonisti dell’opera anch’essi solo evocati e senza narrazione, nella performance sono proposte stilizzate, rese segno, gesto mimico, il tempo che le scandisce è quello irreale del sonno. Come accade nei dipinti le figure “vivono” quando sono colpite dalla luce, che qui è la luce della memoria. Alla ricerca del tempo perduto è reso in questa interpretazione un lavoro pittorico, le Aure sono quelle lasciate impresse sulla tela dagli archi di pennellata delle vite raccontate: tracce colorate o nere, lievi o impetuose. Tutte insieme, e interpretate, vogliono simboleggiare alcuni temi che percorrono l’opera, amore e desiderio di possesso, solitudine e ossessione, slancio e rinuncia. Alla fine non si ottiene un disegno, perché le aure sono evanescenti e necessitano di una lettura, quindi di un veicolo che dia loro una forma che è comunque quello della parola. Proust nella Recherche ne ha usate tante, ha affidato all’arte, alla musica, solo l’indicibile, e così facendo anche questo l’ha detto, e scritto. Lo spettacolo rinuncia alla parola, affida solo al fascino della suggestione il compito di narrare, e l’effetto che ottiene è che lo sguardo dello spettatore si distoglie presto dai movimenti che animano la scena per andare a raggiungere quel libro inerte aperto sul tavolino, è lui il vero protagonista e si ha solo voglia di sentirlo parlare.

Più visti

1

Attualità

15-04-2024

Signori della Corte

Visto 11.255 volte

2

Politica

15-04-2024

La sCampagnata

Visto 10.010 volte

3

Attualità

15-04-2024

Tenente Colombo

Visto 9.998 volte

4

Attualità

15-04-2024

A Cortese richiesta

Visto 9.707 volte

5

Politica

16-04-2024

Ex Polo, ex voto

Visto 9.657 volte

6

Il "Tich" nervoso

16-04-2024

Smarrimento Nazionale

Visto 9.600 volte

7

Attualità

14-04-2024

Sul Ponte sventola bandiera bianca

Visto 9.501 volte

8

Attualità

14-04-2024

Genius Guastatori

Visto 9.367 volte

9

Attualità

16-04-2024

Marinweek Senior

Visto 9.094 volte

10

Politica

13-04-2024

Vado al Massimo

Visto 9.025 volte

1

Politica

06-04-2024

Teatro Verdi

Visto 14.081 volte

2

Politica

22-03-2024

Cuando Calenda el sol

Visto 13.759 volte

3

Politica

05-04-2024

Mazzocco in campagna

Visto 12.857 volte

4

Politica

21-03-2024

Tavoli amari

Visto 12.549 volte

5

Attualità

08-04-2024

La Terra è rotonda

Visto 12.294 volte

6

Politica

25-03-2024

Io Capitano

Visto 11.421 volte

7

Attualità

27-03-2024

Dove sito?

Visto 11.355 volte

8

Politica

07-04-2024

Gimme Five

Visto 11.334 volte

9

Attualità

15-04-2024

Signori della Corte

Visto 11.255 volte

10

Politica

12-04-2024

Cavallin Marin

Visto 10.903 volte