Pubblicità

Radici FutureRadici Future
Pubblicato il 23-03-2021 15:38
in Magazine | Visto 3.721 volte

40 anni, 40 parole

Presentata oggi dal Direttore di Operaestate Rosa Scapin una pubblicazione-glossario che racchiude il lavoro di quasi un anno e che ha coinvolto con lo staff del Festival una cinquantina di autori diversi

40 anni, 40 parole

foto d'archivio di Lorenza Zambon

Presentata oggi, in conferenza stampa, una pubblicazione che racchiude il lavoro di quasi un anno che ha coinvolto lo staff di Operaestate festival e una cinquantina di autori diversi, ciascuno impegnato a dare il proprio contributo alla raccolta: quaranta parole che definiscono l’identità del festival e la sua continua evoluzione. Il glossario 40 anni 40 parole, è disponibile da oggi in pdf sul sito www.operaestate.it. A presentare alla stampa questo unboxing speciale il Direttore del Festival, Rosa Scapin, con l’assessore alla Cultura del Comune di Bassano.
Il progetto editoriale è frutto di un lavoro collettivo nato nel corso del 2020: un anno importante in cui Operaestate ha raggiunto l’importante traguardo delle 40 edizioni, ma anche l’anno dello scoppio della pandemia, con tutti gli impatti che ha avuto sulla vita delle persone e sullo stesso festival.
Durante il primo lockdown, quindi, nei mesi di marzo e aprile 2020, lo staff del festival si è ritrovato a lavorare distanziato ma connesso trovando il tempo per riflettere insieme sul senso dei 40 anni di Operaestate, sulla sua storia ma anche sulle prospettive per il futuro.
Diverse domande hanno guidato alcune sessioni di brainstorming, durante le quali il team di Operaestate ha lavorato sui concetti che via via emergevano, restituendo una portata preziosa di molteplici significati racchiusi in concetti e in valori espressi a parole.
I valori condivisi sono poi diventati un gruppo di vocaboli e il team ne ha identificati quaranta, uno per ciascun anno di festival. Ne è seguita la socializzazione con artisti, operatori, stakeholder, cittadini, per arrivare a comporre un glossario a più voci, lasciando spazio e libertà ai singoli di proporre una propria definizione, di condividere ispirazioni. La curatela a opera del team editoriale e grafico ha guardato all’adattamento dei testi, alle traduzioni, alla scelta dell’impaginazione e delle immagini, attingendo al grande archivio fotografico dei ricordi del Festival.
Le parole che si possono incontrare nella pubblicazione, rigorosamente in ordine alfabetico, vanno da Accessibile a Valore, passando per Benessere, Comunità, Partecipazione e per molte moltissime altre. Un mosaico composito che permette di mettere in luce le tante sfaccettature di un progetto che negli anni ha travalicato il limite temporale dell’estate, per abbracciare programmazioni e progettualità di respiro internazionale vitali tutto l’anno.
Il glossario non è finalizzato a fornire definizioni assolute o esaustive, ma a raccogliere la pluralità, di voci e di persone, che in questi anni hanno condiviso col Operaestate un tratto di strada, per motivi artistici, per condivisione di progetti, o per adesione a un comune sentire.

Pubblicità

Celebrazioni PonteOpera EstateMostra

Più visti