ELEZIONI
Laura Vicenzi
bassanonet.it
Pubblicato il 13-04-2019 08:48
in Incontri | Visto 190 volte
 

Sull'albero delle storie

Alla biblioteca civica ieri, venerdì 12 aprile, per la 24^ edizione del seminario di studi dedicato alla lettura e all’infanzia, l'incontro con Bruno Tognolini

Sull'albero delle storie

Bruno Tognolini

Si è svolta ieri, venerdì 12 aprile, la 24^ edizione del seminario di studi dedicato alla lettura e all’infanzia.
Promosso come sempre dal Comune e dal Comitato di educazione alla lettura, in collaborazione con la biblioteca civica che ha ospitato l’incontro, il seminario intitolato “L’infanzia raccontata. Gli sguardi della letteratura per bambini e per ragazzi” ha presentato alla platea di insegnanti, librai, educatori e genitori tre relatori: nell’ordine di intervento, Alessia Napolitano, Bruno Tognolini e Angela Dal Gobbo.
Tognolini, scrittore e poeta tornato nella nostra città dopo l’invito del 2012, per un celebre incontro che portava un titolo originale “Rima Vitamina”, nel suo contributo dall’andamento affabulatorio, musicale, ricco di ricordi, di rime e “di metro”, ha criticato l’eccessivo proliferare di categorizzazioni create appositamente dalle leggi del commercio editoriale — il young-adult fa tendenza e fa mercato — e ha parlato di quello con la letteratura e con i classici come di un incontro speciale, prezioso, da vivere insieme ai bambini e ai ragazzi.
Nei tre interventi, a vario titolo, c’è accordo sul fatto che famiglie, scuole e biblioteche, in quanto acquirenti che fanno muovere il mondo editoriale, hanno una responsabilità nei confronti della promozione della lettura e dei libri che “mettono in circolazione”, non solo sul mercato, ma anche sugli scaffali della crescita dei giovani lettori, e certa produzione edulcorata, perbenista, modaiola, o le cosiddette storie senza storia, i libri brutti, per utilizzare il parlato dei bambini, contribuiscono nel tempo a creare disaffezione per la lettura e vuoto di pensieri, di parole, di strumenti per ascoltare e per dialogare.
A passare, tra un adulto con un libro in mano e un bambino, accanto alla passione del leggere, è la storia (e la lingua speciale con cui viene narrata, come ha ricordato Tognolini), storia e lingua che vivono per entrambi e che creano un territorio di alleanza tra scrittore e piccoli/grandi-lettori dove si verifica quell’incontro particolare, di cui non si smarriscono più le tracce, col mondo e il suo racconto.
Il seminario proseguirà nella giornata di oggi, sabato 13 aprile, con la sua fase laboratoriale riservata agli iscritti.